Michele Bravi/ Ho voglia di innamorarmi: uomo o donna non importa

- Anna Montesano

Michele Bravi, dal Festival di Sanremo rifiutato alla verità sul coming out: il cantante si svela in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera

michelebravi
Michele Bravi

Michele Bravi, dal Festival di Sanremo rifiutato alla verità sul coming out: il cantante si svela – Una lunga e intensa intervista quella rilasciata da Michele Bravi al Corriere della Sera. Dall’esperienza al Festival di Sanremo, a retroscena inediti della sua avventura nel mondo della musica sino al coming out. il cantante attraversa numerose tappe della sua vita, partendo proprio col raccontarsi tra ansie e paranoie che l’hanno portato a dire no quando Fabio Fazio gli chiese di partecipare a Sanremo: «Quando mi aveva chiamato Fazio dopo X Factor , mi sono detto: ma come faccio a presentarmi su quel palco? Avevo 18 anni, non ero pronto a dire niente». Forse col senno di poi avrebbe accettato, d’altronde «Mi hanno detto che ci voleva coraggio per dire no: io ho sempre pensato che è più coraggioso esporsi senza essere sicuro di quello che dici».

Nonostante sia nel panorama musicale da pochissimi anni, nel periodo di crisi vissuto qualche tempo fa, qualcuno gli ha fatto presente che forse la sua carriera era già finita: «ho provato rancore per chi me lo diceva – ha confessato Bravi – Dentro casa mia volavano i vaffan***o. Adesso provo rancore per la falsità, quando mi sento dire: l’ ho sempre saputo. Non lo sapevo io, stai zitto. Ero il primo ad avere dubbi, ma certe persone non si rendono conto di che impatto possa avere una frase». Al momento Michele Bravi è single anche se si augura di innamorarsi:””Mi auguro solo di innamorarmi, uomo o donna che sia non conta” confessa al Corriere della Sera. Poi però non manca un accenno alla questione “coming out” che Michele ha fatto in un’intervista a Vanity Fair pubblicata a ridosso dell’inizio del Festival di Sanremo di quest’anno. Su tale questione, il cantante chiarisce: «Mi hanno chiesto chi era la ragazza per cui soffrivo e ho solo risposto: veramente è un ragazzo. Incredibile. – e aggiunge – Chi ha la mia età mi ha detto: mi spiace. Le persone più grandi invece hanno fatto titoloni, scritto che ero stato coraggioso. Ma per cosa? Ho solo detto che stavo male perché avevo chiuso una storia» conclude.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori