Arlington Road – L’inganno/ Gli errori del film con Jeff Bridges in onda su Rete 4 (oggi, 26 agosto 2017)

- Cinzia Costa

Arlington Road – L’inganno, il film in onda su Rete 4 oggi, sabato 26 agosto 2017. Nel cast: Jeff Bridges, Tim Robbins e Johan Cusack, alla regia Mark Pellintong. Il dettaglio della trama.

arlington_road
il film giallo nella seconda serata di Rete 4

Una pellicola di genere thriller che è stata diretta da Mark Pellington mentre la sceneggiatura è stata curata da Ehner Krueger. Il montaggio del film è stato eseguita da Conrad Buff IV con le musiche della colonna sonora che sono state composte da Angelo Badalamenti. Il film è stato prodotto in USA nel 1999 con la durata di 117 minuti circa. Angelo Badalamenti, è un compositore statunitense nato a Brooklyn ma di origini siciliane, è conosciuto dal pubblico anche con gli pseudonimi Andy Badale e Andy Badala. La sua naturale attitudine musicale thriller e horror gli è valsa da parte dei programmatori della Atari, l’affidamento della colonna sonora del videogioco Fahrenheit. Tra le sue opere vanno ricordate l’album che ha composto per Marianne Faithfull dal titolo A Secret Life, Boot and the Bad Angel e la musiche della pellicola The Edge Of Love tra molti altri lavori. Pur se celati dall’incalzante trama thriller, alcuni errori abbastanza evidenti rendono, per cosi dire, più “umana” la pellicola. Senza entrare nei dettagli delle scene per evitare di svelare la fine del film, in alcuni incidenti automobilistici, Faraday danneggia prima la parte destra della vettura e poi l’inquadratura successiva mostra il danno su quella sinistra. Oppure, nel corso di uno spericolato inseguimento viene usata dal protagonista una Ford del 97 e successivamente una del 98.

MARK PELLINTONG ALLA REGIA

Arlington Road – L’inganno, il film in onda su Rete 4 oggi, sabato 26 agosto 2017 alle ore 23.40. Una pellicola statunitense di genere giallo e thriller che è stata prodotta nel 1999 per la regia di Mark Pellintong mentre un ampio cast comprende tra gli altri Jeff Bridges (protagonista de Il Grande Lebowski dei fratelli Choen), Tim Robbins (noto per l’interpretazione in Mystic River di Clint Eastwood e marito dell’attrice Susan Saradon), Johan Cusack (sorella di John Cusack di 2020) e Hope Davis. La trama è liberamente ispirata all’attentato di Oklahoma City verso un palazzo governativo che crollò causando centinaia di vittime. Tale attentato sconvolse non solo per gli effetti tutti gli Stati Uniti, ma anche per l’identità del tutto americana degli esecutori, con il colpevole principale condannato a morte e proveniente dalle forze speciali dell’esercito americano. Il cast al suo completo comprende diversissimi premi tra Oscar, Golden Globe e altri ancora.

ECCO LA TRAMA DEL FILM

Jeff Bridges impersona Michael Faraday onesto e diligente maestro di storia, la cui vita è stata sconvolta dalla prematura morte della moglie. Vive e lavora a Washington assieme al fìglioletto Grant. La vita sembra scorrere tranquilla quando salva il figlio dei vicini da quello che sembra essere uno strano incidente. I dirimpettai Oliver e Sheryl Lang offrono la loro amicizia e sembrano una coppia felice e simpatica, fino a quando Michael non si insospettisce per alcuni accadimenti molto strani. Oliver e Sheryl infatti non sono affatto quello che cercano di far sembrare al mondo esterno. Infatti stanno cercando di usare Michael come una pedina per il loro sconvolgente obiettivo e cioè fare del terrorismo. Intuendo il pericolo Michael inizia ad indagare sul passato dei Lang, scoprendo ben presto che la coppia nel passato ha cambiato più volte identità al fine di perseguire le finalità distruttive contro il governo. Da buon cittadino, Faraday cerca di intuire quali possano essere gli obiettivi pricipali dei Lang, avvertendo le autorità e cercando si sventare un attentato contro una sede FBI. Fin quando capisce troppo tardi di essere stato lui stesso manovrato ed usato per compiere attacchi terroristici. In un crescendo di suspance riuscirà a prevalere?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori