MARCO BOCCI/ Solo 2: finite le riprese. Quando andrà in onda la fiction?

- Elisa Porcelluzzi

Marco Bocci annuncia sui social la fine delle riprese della seconda stagione di “Solo”. L’attore sarà tra i protagonisti della seconda puntata di “Liberi sognatori”, in onda il 21 gennaio.

marco_bocci_solo_instagram_2018
Marco Bocci (Instagram)

Marco Bocci ha annunciato sui social la fine delle riprese della seconda stagione di “Solo”, la fortunata serie Mediaset che lo vede protagonista nei panni di dell’agente sotto copertura Marco Pagani: “Ultima giornata di riprese di #solo2 è stato un gran bel viaggio, grazie a tutti gli amici, i colleghi, grazie a #StefanoMordok a @littlehenryart e grazie alla fantastica troupe per questi intensi 4 mesi. #apresto #solo2 #set #movie”, ha scritto l’attore su Instagram con tanto di primo piano dei suoi occhi. Nei giorni scorsi, Bocci aveva rivelato al Corriere della Sera la fatica sul set: “Arrivo da quattro mesi e mezzo di riprese della seconda serie di Solo in cui abbiamo girato tutti i giorni: è stato devastante. Ormai è normale ottimizzare i tempi, funziona così. Finita questa esperienza per un bel po’ mi prederò del tempo per riposare”. La prima stagione di “Solo”, in quattro puntate, è stata trasmessa a fine 2016. Al momento non è stata ancora ufficializzata la messa in onda della seconda stagione né il numero di episodi. “Solo 2” dovrebbe comunque andare in onda nel 2018, probabilmente dopo l’estate. Le riprese della fiction sono iniziate lo scorso settembre 2017 e sono state girate tra Scilla, Palmi e Gioia Tauro, ma anche nel Lazio.

MARCO BOCCI IN LIBERI SOGNATORI

In attesa di scoprire quando andrà in onda la seconda stagione di “Solo”, i fan di Marco Bocci potranno vederlo in “Delitto di mafia – Mario Francese” secondo appuntamento con “Liberti sognatori”, in onda su Canale 5 domenica 21 gennaio. Nella fiction Marco Bocci interpreta Giuseppe Francese, figlio del giornalista Mario Francese (interpretato da Claudio Gioè), ucciso dalla mafia nel 1979. “Una storia pazzesca. La sua e quella di suo figlio Giuseppe, che interpreto. Sono due eroi che sembrano usciti dalla penna di uno scrittore. Invece è storia vera» e si concentra sullo sforzo di Giuseppe nel dimostrare come il padre fosse stato vittima della mafia. Una battaglia a cui ha dedicato l’esistenza, che gli ha trasformato il carattere e a cui ha finito per sacrificare la vita, visto che se l’è tolta dopo essere riuscito nel suo obiettivo”, ha raccontato l’attore al Corriere della Sera. Nel 2018 Marco Bocci tornerò a teatro e in furto sogna di recitare al fianco della moglie Laura Chiatti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori