“Checco Zalone è morto in un incidente”, ma è una bufala/ Il comico presto sul set per un nuovo film

- Silvana Palazzo

“Checco Zalone è morto in un incidente”, ma è una bufala. Una fake news sul comico spopola sul web, ma l’attore e regista pugliese è vivo e vegeto. Le ultime notizie

checco_zalone_facebook_2017
Checco Zalone (foto Facebook)

Checco Zalone vittima inconsapevole di una bufala. L’attore, al secolo Luca Medici, è stato dato per morto. La realtà è che il comico è vivo e non è rimasto coinvolto in nessun incidente d’auto. Una bufala di cattivo gusto che voleva ingannare i fan dell’attore puntando sull’emotività degli utenti meno attenti ai particolari. Quindi è stata sfruttata l’emotività di chi, in buona fede, ha creduto davvero che Checco Zalone fosse morto. Per fortuna non è così, ma con questa fake news il nome dell’attore si aggiunge al parterre di vip e personaggi famosi che sono stati dati per morti. Zalone dovrebbe essere impegnato sul set del suo nuovo film a fine ottobre. Secondo quanto riportato a e-duesse.it, il nuovo film di Checco Zalone dovrebbe essere pronto per l’uscita al cinema nell’autunno 2019. Il film in questione, al pari dei precedenti, è prodotto da TaoDue e distribuito da Medusa. (agg. di Silvana Palazzo)

TRAGICO INCIDENTE STRADALE? MA NON È L’UNICA BUFALA…

Alla macabra rassegna di fake news che coinvolge i personaggi famosi si aggiunge anche Checco Zalone. Stavolta è toccato al comico barese Luca Medici scoprire di essere morto in un incidente stradale. La bufala è stata pubblicata da un sito “specializzato” in fake news, Il Messangero. Solo dall’url, cioè dall’indirizzo del sito, è possibile scoprire che non si tratta del noto quotidiano romano Il Messaggero, mentre nell’intestazione del sito c’è indebitamente il nome della testata. Le principali motivazioni che stanno dietro alla diffusione delle bufale è legata ai guadagni facili che permettono di ottenere grazie ad argomenti che generano più click, a partire dalla morte dei vip. È successo recentemente con Nadia Toffa, ma la Iena sta meglio ed è tornata in tv. E neppure Checco Zalone è morto, anzi è vivo e vegeto. Ma questa non è l’unica bufala che ha visto protagonista il comico barese: tempo fa circolò la notizia del casting per l’ultimo film di Checco Zalone, peccato che si trattasse dell’annuncio per “Quo vado”. E infatti poi arrivò la smentita ufficiale. (agg. di Silvana Palazzo)

I CASI GIGI BUFFON E ROBERTO BENIGNI

I bufalari del web ci hanno riprovato. Nelle ultime ore sui social sta circolando un link alla notizia della morte di Checco Zalone, che in realtà è vivo e vegeto. Il modus operandi è lo stesso: il vip scelto per la fake news muore in un incidente d’auto. La stessa dinamica fu scelta ad esempio un anno fa per Gianluigi Buffon, l’ex portiere della Juventus e della Nazionale italiana. Stessa cosa è accaduta tempo fa con Roberto Benigni suo malgrado protagonista. Bufale di cattivo gusto si susseguono con il solo obiettivo di portare visite a siti “vampiri” che sfruttano la somiglianza con il nome delle testate più prestigiose solo ed esclusivamente per guadagnarci su. In alcuni casi, come quello di Buffon, si viene anche indirizzati ad un sistema che iscrive automaticamente gli utenti a servizi a pagamento per cellulari. Questo non è il caso della bufala creata ad arte per Checco Zalone, ma la sostanza non cambia e infatti resta di pessimo gusto. (agg. di Silvana Palazzo)

DOPO ZUCCHERO E LINO BANFI FAKE NEWS SUL COMICO

Checco Zalone come le star mondiali: dopo Brad Pitt, Sylvester Stallone e Barack Obama, anche l’attore e regista pugliese è morto, ma con una bufala. Un sito di fake news su è divertito sulla pelle del comico, il quale avrà forse reagito con la sua proverbiale ironia e qualche gesto scaramantico. Poco attivo sui social, Zalone non è intervenuto per commentare la notizia. Quel che più conta, rispetto alla sua reazione, è che sia tutto falso, proprio come quando sui social si parlò della morte di Zucchero. Che dire poi di Lino Banfi, che si è ritrovato a passare a miglior vita più volte. La pagina che riportava la notizia della morte di Checco Zalone è sparita, quindi ora non è più raggiungibile. Non è chiaro se per il boom di accessi o per cancellare la traccia della bufala. Quel che è sicuro è che la vergogna per aver diffuso una bufala del genere resta… (agg. di Silvana Palazzo)

“CHECCO ZALONE È MORTO IN UN INCIDENTE”, MA È UNA BUFALA

“Checco Zalone è morto in un incidente”, ma per fortuna non è vero. Il comico, all’anagrafe Luca Medici, è vivo e vegeto. Purtroppo nella mattinata di oggi è stato suo malgrado protagonista di una fake news. Un sito con un nome molto simile ad una testata nazionale ha annunciato nelle scorse ore il prematuro decesso dell’attore e regista comico. Secondo quanto scritto sul sito, e poi erroneamente riproposto da altri online, l’artista barese avrebbe perso la vita in un incidente stradale a bordo della sua Fiat 500. Lo scontro fatale sarebbe avvenuto nella notte tra domenica e lunedì: si sarebbe verificato uno schianto contro un tir sulla ex statale 470 della Valle Brembana, a Sedrina. Apprendendo ciò, Checco Zalone avrà fatto gli opportuni scongiuri, anche se – e questo va detto – non ci sono comportamenti o amuleti in grado di combattere il cattivo gusto della gente che diffonde fake news.

IL COMICO STA BENE, MA LA FAKE NEWS IMPAZZA SUL WEB

Molto amato per i suoi film e i suoi personaggi, Checco Zalone potrà trarre ispirazione da questa vicenda per un futuro film. Da uomo del Sud poi saprà che ciò gli avrà allungato la vita, come si è soliti dire nella sua Bari in queste occasioni. Di sicuro non è mancata la fantasia a chi ha pensato questa bufala. Qualcuno si è fatto tradire da “Il Messangero”, che ha sfruttato la somiglianza con il nome della più celebre testata romana “Il Messaggero”. Il link creato dal sito creato appositamente per diffondere bufale ha fatto rapidamente il giro del web. E pensare che nelle scorse ore la Gialappa’s Band aveva dichiarato: «Lavorare con Checco Zalone? Purtroppo temiamo che non succederà mai, non perché non vogliamo noi, ma continuiamo a sperare che possa accadere». La salute e la vita del comico pugliese però non c’entrano nulla. E infatti chissà che non possa accadere in futuro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori