Gessica Notaro / La modella sfregiata dall’ex fidanzato: “si alla pistola al peperoncino” (Italia Si)

- Emanuele Ambrosio

Gessica Notaro è una delle ospiti di “Italia Si”, il programma di Marco Liorni. La modella dal corner del programma lancia un messaggio a tutte le donne: munitevi di pistola al peperoncino

gessica_notaro_instagram
Gessica Notaro (Instagram)

Gessica Notaro torna in tv nel contenitore pomeridiano “Italia Si” condotto da Marco Liorni il sabato pomeriggio su Rai1. La modella, ex concorrente di “Ballando con le Stelle” è pronta a salire sul corner del programma di Rai per promuovere ancora una volta la scelta della difesa personale. La modella, aggredita con l’acido dall’ex fidanzato, si è dichiarata favorevole alla pistola al peperoncino come arma di difesa contro le aggressioni. Non solo, la modella sarà accompagnata da un pulmino di donne pronte a raccontare in studio come sopravvivere ad un grande dolore. L’iniziativa lanciata da Libero di vendere dal 20 ottobre il quotidiano con una pistola al peperoncino al costo di 43,50 euro continua a ricevere consensi. La pistola al peperoncino è un’arma legale, vietata alle persone con meno di 16 anni, che non richiede minimamente di avere il porto d’armi. Si tratta di un’arma al cui interno viene inserito un liquido al peperoncino, una miscela chiamata Piexol, in grado di colpire ad una velocità di 180km orari. Questa tipologia di miscela, una volta colpito l’aggressore, provoca nausea e spasmi della durata di circa un’ora; il tempo necessario per permettere alla persona aggredita di mettersi in salvo. Ad approvare in toto questa pistola al peperoncino come arma di difesa contro le aggressione è Gessica Notaro, la modella sfregiata con l’acido dall’ex fidanzato.

SI ALLA PISTOLA AL PEPERONCINO

La pistola al peperoncino? Le mie amiche l’ hanno già acquistata a San Marino. Nella città dove viviamo, a Rimini, non si può uscire dopo le 23 perché è troppo pericoloso. E ad ogni modo le donne ancora oggi non sono tutelate. Se ne sentono ormai di tutti i colori”. Con queste parole la bellissima Gessica ha espresso il suo totale consenso all’utilizzo di questa arma. Ricordiamo che la donna lo scorso 10 gennaio 2017 è stata sfregiata in volto dall’ex fidanzato Edson Tavares che le ha lanciato una bottiglietta di acido. Oggi l’uomo è rinchiuso nel carcere di Piacenza. Nonostante sia trascorso un anno dall’agguato, Gessica Notaro non nasconde di avere ancora paura ad uscire da sola di notte: “Ci sono aggressioni e aggressioni: la mia è stata mirata, e a queste non hai scampo. Per quelle casuali, invece, ben vengano tutte le forme di tutela”. La ex vincitrice di Ballando con le Stelle ha dichiarato di essere favorevole all’utilizzo della pistola al peperoncino, anche se è importante stare attente e fare un corso di addestramento.

GESSICA NOTARO: OCCORRE ADDESTRARE LE DONNE

Sono favorevole alla pistola al peperoncino anche se ha due controindicazioni. La prima è che rischia di far effetto anche sulla donna che la usa, se non la sa maneggiare. La seconda, è che ha tutte le caratteristiche di un’ arma e, come tale, potrebbe spingere l’ aggressore a reazioni ancora più violente.? Potrebbe riuscire a strappartela per scagliarla contro di te. Quindi occorre addestrare le donne ad usarla” ha detto la Miss. Gessica si professa poi a favore della legittima difesa: “se uno entra in casa mia con mia madre o mio figlio da difendere, lui da lì non esce vivo. Io non offro il cappuccino a chi usa violenza in casa mia, sparo. Siamo diventati troppo tolleranti, è assurdo che per colpa di uno straniero una donna debba essere costretta a lasciare la propria città. Sì, perché è solo questa soluzione che avrebbe potuto salvarmi, per evitare lo sfregio di quell’ uomo”. Intanto Fiorella Casadei, il gup di Rimini, si è espressa in merito alla vicenda condannando Eddy Tavares a 10 anni e a un risarcimento di 230 mila euro. Il giudice ha riconosciuto una serie di aggravanti come: la premeditazione e la crudeltà. Non solo, il Pm ha stabilito che dopo aver scontato la pena, l’uomo dovrà essere espulso dall’Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori