Lamberto Giorgi, chi è?/ Il fratello di Eleonora: “ho detto no a Rai e Mediaset” (Grande Fratello Vip)

- Annalisa Dorigo

Lamberto Giorgi e il rapporto con la sorella Eleonora, concorrente del Grande Fratello Vip 2018. Il racconto delle richieste di Ciccio Graziani e dei calciatori…

eleonora_giorgi_raiuno
Eleonora Giorgi, Matrix Chiambretti

Ci sarà spazio anche per Lamberto Giorgi nella puntata di questa sera del Grande Fratello Vip 2018. Il famoso giornalista romano sarà uno degli ospiti del reality show per sostenere la sorella Eleonora, concorrente del reality show. Volto molto apprezzato tra gli appassionati di sport, dove da anni conduce i programmi di Teleroma 56, Lamberto non è solito parlare dell’attrice, anche se recentemente ha raccontato un breve retroscena su di lei in un’intervista rilasciata al sito Leggo. In essa, tra una battuta e qualche divertente racconto, il giornalista ha ricordato quella volta in cui Ciccio Graziani gli chiese una foto di Eleonora: “Voleva una sua foto. Ma come la vuoi Ciccio? In costume da bagno? Gliene portai una con dedica. Ricordo ancora il commento ‘Quanto è bona’ “. E anche i giocatori della Roma erano soliti chiamare in causa Eleonora. Spiega lui nell’intervista: “Il rapporto con i calciatori era figlio di un altro calcio, più semplice. Quando arrivavo a Trigoria Graziani mi salutava così: ‘A Lambè ma sempre tu vieni a rompe qua? Ma non ce poi portà tu sorella?’.

LAMBERTO GIORGI, “NON HO ACCETTATO LA CORTE DI RAI E MEDIASET”

Lamberto Giorgi, fratello di Eleonora, avrebbe potuto diventare un giornalista sportivo molto apprezzato in tutta Italia ma non ha mai accettato la corte di Rai e Mediaset. Intervistato da Leggo, ne ha spiegato i motivi, paragonando la sua fede per Teleroma a quella di Francesco Totti per la squadra giallorossa: ” Io sono come Totti. Non me la sono mai sentita di abbandonare Teleroma56. Mi hanno cercato sia la Rai sia Mediaset, ma qui abbiamo dei riconoscimenti che le tv nazionali non avranno mai”. Nei suoi trascorsi però ci sono stati molti incontri con giornalisti che poi sono passati alle emittenti nazionali, come Fabio Caressa o Sandro Piccinini: “Piccinini faceva le radiocronache con il telefono dalla tribuna stampa. Una volta ci fu un problema col fisso e si arrangiò con il telefono a gettoni. Non si arrendeva mai Sandro; una volta a Genova non riuscì ad entrare a Marassi e fece la telecronaca dal balcone di una casa con vista sul campo” (clicca qui per leggere l’intervista completa)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori