Cristiana Capotondi/ Ospite di Alessandro Cattelan: l’attrice con il braccio ingessato (EPCC)

- Francesca Pasquale

Cristiana Capotondi, protagonista nelle sale dal prossimo 8 marzo nel film Nome di donna, nuovo film di Marco Tullio Giordana che affronta il tema caldo degli abusi sul posto di lavoro.

Cristiana_Capotondi_Instagram
Cristiana Capotondi (Instagram)

Cristiana Capotondi, ospite di “EPCC”, la trasmissione condotta su SkyUno da Alessandro Cattelan, ha sfoggiato una vistosa fasciatura al braccio. Lo scorso gennaio, infatti, l’attrice si è fatta male ad un polso, ma nonostante l’ingessatura, ha deciso di non rinunciare alla sua partecipazione al famoso programma di Cattelan. Il look scelto dalla Capotondi ha esaltato l’ingessatura. L’attrice, infatti, si è presentata con una gonna e un golfino nero indossato su una maglia bianca. L’outfit è stato completato da un paio di scarpe verde acqua mentre il trucco era quasi assente. Sempre bella ed elegante, infatti, Cristiana Capotondi si è presentata con il viso acqua e sapone. Semplice come sempre, la Capotondi ha dimostrato, ancora una volta, di non riuscire ad avere un atteggiamento da diva. Nonostante il successo, nonostante sia una delle migliori attrici italiane, resta sempre una persona semplice ed umile. Cliccate qui per vedere il post (aggiornamento di Stella Dibenedetto).

CRISTIANA CAPOTONDI PROTAGONISTA DEL FILM “NOME DI DONNA”

Cristiana Capotondi è una delle attrici più apprezzate e stimate del cinema italiano. Moltissime sono le fiction di successo e i film per il cinema a cui ha prestato il suo volto. Ultimo è il nuovo film di Marco Tullio Giordana, Nome di donna nelle sale a partire dal prossimo 8 marzo e che affronta un tema tanto delicato quanto caldo come gli abusi sul posto di lavoro. Un dramma interpretato da Cristiana Capotondi in quello che potrebbe essere il ruolo più complesso della sua carriera. Veste infatti i panni di Nina, una giovane donna che trasferitasi da Milano in un piccolo paese della Lombardia diventa testimone di molestie sul luogo di lavoro. Sarà proprio Nina l’unica persona coraggiosa a voler denunciare gli orrori di cui molti conoscono l’esistenza. Come detto per Cristiana Capotondi si tratta di un ruolo molto delicato in cui sta a lei raccontare il coraggio di una donna che sfida omertà e compiacenza ribellandosi a quello che viene considerato un luogo comune. Interpretazione ancora più complicata e delicata per Cristiana Capotondi viste le numerose polemiche che sono scaturite in seguito alle accuse di molestia contro Fausto Brizzi, amico e punto di riferimento professionale per Cristiana Capotondi che la stessa aveva subito difeso in attesa di un riscontro effettivo da parte del giudice durante il processo.

CRISTIANA CAPOTONDI A SOSTEGNO DELLA CANDIDATURA DI AGRIGENTO COME CAPITALE ITALIANA DELLA CULTURA 2020

Posizione che negli scorsi mesi l’ha messa spesso al centro dell’attenzione mediatica che non aveva apprezzato il suo schierarsi a favore dell’amico. Specialmente Asia Argento la quale aveva proprio sollevato il polverone insieme ad altre attrici internazionali su Harvey Weinstein e sul marcio presente nel mondo di Hollywood. Polemiche che sono proseguite anche nei giorni scorsi quando Cristiana Capotondi ha deciso di mettere la sua firma, insieme a tante altre attrici italiane ben 124, al Manifesto a tutela dei diritti delle donne dello spettacolo. Firma e atteggiamento che ha fatto irritare Asia Argento affermando che la sua firma era un controsenso visto che la Capotondi con il suo sostegno a Frizzi aveva difeso apertamente un predatore e nessuna preda. Inoltre in questi giorni Cristiana Capotondi si è mossa anche a sostegno della candidatura di Agrigento a Capitale Italiana della Cultura 2020. Queste le sue parole: “Mi sento di sostenere la candidatura di Agrigento a capitale della cultura 2020 perché è terra di accoglienza, una perla incastonata nel mare nostrum. Agrigento rappresenta un simbolo della dolce filosofia mediterranea che, in questa era tecnologica, è sempre più importante valorizzare e difendere”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori