Franco Califano, il ricordo di Mita Medici/ 5 anni fa moriva il Califfo: “Poeta sanguigno e appassionato!”

- Anna Montesano

Mita Medici ricorda Franco Califano, morto 5 anni fa. Durante l'intervista per l'ANSA l'attrice parla dell'amore della sua vita: "passionale, ironico, sanguigno...".

Franco Califano Franco Califano (Facebook)

Mita Medici ha voluto ricordare Franco Califano a cinque anni dalla sua morte. Raggiunta dall’ANSA ha voluto ricordarlo raccontando la sua voce: “poetica, sanguigna, ironica e sorprendente”. Per lei il cantante e autore era una persona vera e verace, oltre ad essere anche un perfetto mix di timidezza e sfacciataggine, un appassionato e malinconico. Amato dalle donne ma anche molto ammirato dagli uomini: “per alcuni addirittura un maestro” continua Mita. “Franco è stato semplicemente una persona vera, con la sua forza e le sue debolezze che è riuscito a trasformare in Poesia”, precisa ancora. Nonostante le tantissime passioni vere o presunte, il legame tra Mita Medici e l’artista ha sempre avuto qualcosa di unico e speciale e proprio il diretto interessato, parlava di lei come la donna più importante della sua vita: “Per me oltre che un primo dolcissimo amore, Franco è stato un amico sincero e discreto per tutta la vita”. Nel frattempo, il cantautore Enrico Giaretta lo ricorda così: “Un Bufalo al quale piaceva scartare di lato e cadere, come dice un capolavoro di Francesco De Gregori (Bufalo Bill, “la locomotiva ha la strada segnata, il bufalo può scartare di lato e cadere” ndr), un uomo gentile che ha insegnato a me ed altri il rispetto per le donne in un tempo in cui ci sarebbe bisogno di uomini come lui. Gli devo molto”. (Aggiornamento di Valentina Gambino)

SONO PASSATI 5 ANNI DALLA SCOMPARSA DI CALIFANO

Sono trascorsi già cinque anni dalla scomparsa di Franco Califano. Il Califfo, poeta della musica, torna oggi nelle menti di molti anche grazie alle parole di una dalle donne che lui ha più amato nel corso della sua vita: Mita Medici. La nota cantante e attrice italiana ne parla all’Ansa, ricordando il grande cantautore, scomparso cinque anni fa. “Franco Califano è stato e sarà la voce poetica, sanguigna, ironica e sorprendente dell’aristocrazia popolare, delle persone vere e veraci, dei timidi e degli sfacciati, degli appassionati e dei malinconici. – dichiara Mita Medici, nome d’arte di Patrizia Vistarini – Ispirato e per questo amato dalle donne, ammirato dagli uomini, per alcuni addirittura un maestro”. Mita e Franco sono stati per pochi anni in passato, ma con un amore intenso, che ha caratterizzato anche la nascita di molti lavori musicali.

MITA MEDICI: “FRANCO È STATO UN AMICO PER TUTTA LA VITA”

Mita Medici, nel corso dell’intervista rilasciata all’Ansa, tiene a ricordare Califano nelle sue bellezze ma anche nelle sue debolezze: “Franco è stato semplicemente una persona vera – ammette – con la sua forza e le sue debolezze che è riuscito a trasformare in Poesia”. Tanti gli amori che nel corso degli anni sono stati attribuiti a Franco Califano che, tuttavia, ha sempre avuto un posto speciale nel suo cuore per Mita, che ha anche definito come la donna della sua vita. Un sentimento sincero ricambiato senza dubbio anche dalla Medici, che confida: “Per me oltre che un primo dolcissimo amore, Franco è stato un amico sincero e discreto per tutta la vita”.





© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori

Ultime notizie

Ultime notizie