Adua Veroni/ Prima moglie di Luciano Pavarotti: il matrimonio, il divorzio e la pace con Nicoletta Mantovani

- Fabiola Iuliano

Adua Veroni è prima moglie di Luciano Pavarotti.  I due si sono sposati nel 1961 e oggi hanno tre figlie, Lorenza, Cristina, Giuliana. La crisi, il divorzio e la pace con Nicoletta Mantovani

luciano_pavarotti_2017 Luciano Pavarotti

Adua Veroni è la prima moglie di Luciano Pavarotti. Sua concittadina e coetanea, si è unita al celebre tenore con una cerimonia celebrata nel 1961, rimanendo al suo fianco per oltre quarant’anni fino al divorzio nei primi anni 2000. “Ci conosciamo da tanto, noi due, ma io ero stonata”, raccontava la Veroni in una vecchia intervista, anche se la sua attività, così come ricorda il Corriere, non sia allontanava troppo da quel mondo della musica così tanto caro a suo marito, quello della musica. Adua Veroni, infatti, si occupava di scovare talenti lirici attraverso la sia Stage Door, un’agenzia che nelle sue scuderie vantava talenti come Mirella Freni, celebre compagna di studi di Luciano Pavarotti, e il maestro Daniel Oren, noto direttore d’Orchestra israeliano. Madre di tre figlie, Lorenza, Cristina, Giuliana, dal 1994 ha dovuto fare i conti con i primi rumors su un presunto tradimento di suo marito, che proprio in quell’anno aveva assunto una nuova manager, Nicoletta Mantovani, 34 anni più giovane di lui.

LA PACE NEL 2015

Un divorzio milionario, una serie di contrasti senza fine e un’eredità sempre al centro della scena: sono tante le polemiche che hanno investito negli ultimi decenni la vita privata di Luciano Pavarotti. Eppure tra la prima moglie, Adua Veroni e la sua vedova, Nicoletta Mantovani, oggi i rapporti sono del tutto distesi. A volere a tutti i costi una riconciliazione fra le due donne è stato Luca Borelli, figlio della sorella del compianto tenore, che poco prima di morire ha chiesto ai suoi cari di poter festeggiare il suo ultimo compleanno avendo al suo fianco  la famiglia al gran completo. Il segno di pace fra le due donne è arrivato però solo qualche settimana dopo, precisamente in occasione del suo funerale, quando Adua Veroni, avvicinandosi in chiesa al banco di Nicoletta Mantovani, le ha teso la mano con un gesto più eloquente di mille parole.

“HO DECISO DI RISPETTARE IL DESIDERIO DI LUCA”

“Era un desiderio di Luca la pace all’interno della nostra famiglia, lo aveva detto espressamente alle mie figlie durante la sua festa di compleanno”. È con queste parole che Adua Veroni, prima moglie di Luciano Pavarotti, ha raccontato al Resto del Carlino il gesto che dopo molti anni ha segnato il disgelo nei rapporti fra lei e Nicoletta Mantovani. “Per l’occasione – ha ricordato la donna ripercorrendo quel compleanno – lo avevo raggiunto per portargli il mio regalo poi, vedendo Nicoletta, me ne ero andata, come sempre. Luca era rimasto molto ferito dalla situazione, la stessa di sempre”. Il nipote del tenore, ricorda quindi la Veroni, si era rivolto alle sue cugine, affinché “io la smettessi con questo muro e facessi un gesto di perdono”. “L’amore di Luca – ricorda infatti la prima moglie di Pavarotti – chiedeva questo e io ho deciso di rispettare il suo desiderio. Nella disgrazia si supera tutto e si è uniti. È giusto così, anche perché davanti a certe sofferenze ti rendi conto che ci sono cose peggiori di quella che credevi insuperabile”.





© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori

Ultime notizie

Ultime notizie