Fabrizio Corona/ Manette in vendita con il suo marchio: “La libertà non è scontata”

- Hedda Hopper

Fabrizio Corona torna a far discutere mettendo in vendita le manette con il suo logo sui social e lanciando un messaggio importante: “La libertà non è scontata”.

Fabrizio Corona
Fabrizio Corona

Da un po’ Fabrizio Corona non creava un po’ di scalpore. Dopo il lancio del suo magazine, l’ex re dei paparazzi si è dato un po’ al silenzio sui social nessuna minaccia, niente vendetta e pochi scoop almeno fino a questo momento. A far discutere o, meglio, ad attirare l’attenzione questa volta non è una sua frecciatina contro qualche volto vip ma il suo marchio in cui ormai si trova di tutto… anche le manette. Questa è l’ultima provocazione di Fabrizio Corona che non smette di provocare i follower e che questa volta mette in bella mostra le manette firmate con il suo marchio Adalet, un braccialetto che richiama proprio la forma delle manette della Polizia con uno slogan che sicuramente lascia poco all’interpretazione ma che, a tratti, è sicuramente un messaggio importante: “È facile dare la libertà per scontata se nessuno ve l’ha mai levata”. Sicuramente il riferimento a quello che gli è successo negli scorsi anni ma anche a tanti casi della (in)giustizia italiana.

FABRIZIO CORONA LANCIA LA NUOVA PROVOCAZIONE

Come se non bastasse, a pochi giorni dall’uscita del suo nuovo libro “Non mi avete fatto”, Fabrizio Corona ha pubblicato la foto del bracciale su Instagram dove si legge: “Solo per chi ha sofferto, solo per chi ha le cicatrici nell’anima”. Siamo sicuri che i bracciali andranno a ruba e che la prossima estate saranno tanti che li sfoggeranno al mare e non solo, ma quale sarà la prossima frontiera del marchio di Corona? Dal magazine al libro e alla vendita dei suoi oggetti, cos’altro sarà in grado di fare l’ex re dei paparazzi? Al momento sui social tutto tace visto che l’ultimo video dell’ex re dei paparazzi risale ormai a 15 ore fa. La sua brutta esperienza è ormai diventata il suo business, cattivo gusto o “mestiere”?



© RIPRODUZIONE RISERVATA