SABRINA FERILLI DENUNCIA STALKER/ “Un 60enne mi segue ovunque da 5 anni: ho paura”

Sabrina Ferilli ha denunciato per stalking un uomo di 60 anni che da 5 anni la perseguita seguendola ovunque: come si è arrivati a questo punto.

16.02.2019 - Dario D'Angelo
sabrina ferilli
Sabrina Ferilli

Sabrina Ferilli ha paura e non lo nasconde: da 5 anni c’è uno stalker che non le dà tregua e lei ha deciso di uscire allo scoperto. Lo ha fatto presentando una denuncia alla procura di Roma, giungendo a patti con la realtà, quella per cui l’uomo che la segue ovunque non è soltanto un ammiratore un po’ più insistente di altri, bensì una persona ossessionata dalla sua figura e per questo motivo pericolosa. Come riportato da Il Corriere della Sera, la Ferilli ha raccontato:”Mi segue ovunque, ormai lo trovo sotto casa, mi perseguita con lettere e regali. C’è sempre, me lo trovo davanti in continuazione. Mi aspetta sotto casa, compare quando prendo l’auto o passeggio”. Lo stalker è un uomo di 60 anni che è riuscito ad ottenere informazioni riservate sulla vita privata dell’attrice. La decisione di chiedere aiuto ai magistrati è maturata circa un mese fa quasi per caso: la Ferilli sta infatti girando una fiction in cui interpreta un pm che si occupa di baby squillo e per questo è entrata in contatto con il procuratore aggiunto Maria Monteleone, che ha seguito l’intera vicenda sulle due ragazzine dei Parioli che si prostituivano. A lei ha raccontato il tormento di questi ultimi 5 anni e grazie a lei ha acquisito consapevolezza del fatto che fosse arrivato il momento di denunciare.

SABRINA FERILLI DENUNCIA STALKER: “MI SEGUE OVUNQUE DA 5 ANNI”

L’uomo denunciato per stalking da Sabrina Ferilli segue l’attrice ormai praticamente ovunque. Come riportato dal Corriere della Sera, non c’è occasione pubblica, che siano presentazioni di film, eventi mondani, partecipazioni alle trasmissioni tv, in cui lo stalker non faccia capolino. Non si sono mai verificate aggressioni o manifestazioni violente, ma l’attrice ha deciso in ogni caso di procedere con una denuncia per tutelare la sua privacy e quella della sua famiglia:”Ho paura che questa storia possa ulteriormente degenerare”. La procedura per evitare che il sessantenne – che è stato identificato – possa entrare in contatto con la vittima è stata avviata. Tre giorni fa la Ferilli è stata convocata a palazzo di giustizia per il riconoscimento formale e ha fornito ulteriori dettagli su quanto accaduto, restando per oltre due ore nella stanza del pubblico ministero Francesca Cento, che lavora nel pool specializzato nell’affrontare i reati sessuali, le molestie e gli atti persecutori. Ora l’uomo rischia dalla semplice diffida fino al divieto di avvicinarsi e anche all’arresto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA