Pierfrancesco Favino/ Con Virginia Raffaele reinterpretano Bohemian Rapsody e Mary Poppins (Sanremo 2019)

- Paolo Vites

Dopo aver condotto la scorsa edizione, Pierfrancesco Savino torna a Sanremo 2019 come ospite della prima serata. “A Sanremo si è vista la parte di me più autentica”

pierfrancesco_favino_sanremo_lapresse_2018
Pierfrancesco Favino a Sanremo 2018 (LaPresse)

Pierfrancesco Favino torna sul palcoscenico della 69esima edizione del Festival della Canzone Italiana di Sanremo 2019. Dopo il grandissimo successo come conduttore della precedente edizione, l’attore italiano ha accettato l’invito di Claudio Baglioni di tornare come ospite durante la prima puntata della kermesse. Favino dal palco del Teatro Ariston ha colto l’occasione per ringraziare i telespettatori: “grazie mille per l’anno scorso, per tutto l’affetto ricevuto”. Poi Favino è stato protagonista sul palco di un divertentissimo siparietto con Virginia Raffaele: lui travestito da Freddie Mercury e lei da Mary Poppins. Dietro di loro un gruppo di suore per un momento esilarante, che è stata una mini celebrazione di tre titoli di grandissimo successo: Sister Act, Bohemian Rapsody e Mary Poppins. (aggiornamento di Emanuele Ambrosio)

PIERFRANCESCO FAVINO A SANREMO 2019

Dopo aver stupito tutti, anche se non ce ne era bisogno visto che le sue doti sono ben conosciute, lo scorso anno a Sanremo al fianco di Claudio Baglioni e Michelle Hunziker, Piefrancesco Favino torna sul luogo del delitto come ospite della prima serata del 69esimo Festival della musica italiana, in onda questa sera su Rai 1. Un segno di continuità ovviamente per il direttore artistico Baglioni. Sanremo, ha detto l’attore romano in una recente intervista al Corriere della sera, gli ha fatto superare alcune paure, gli ha dato maggior consapevolezza, gli ha insegnato a far prevalere l’istinto sulla razionalità: “A Sanremo si è vista la parte di me più autentica e mi sembra sia stata apprezzata dal pubblico” dice. In sostanza, ha aggiunto “un pezzetto in più” a quello che sa fare. Cosa farà Pierfrancesco Favino sul palco di Sanremo 2019? “Diciamo che sarà anche l’opportunità e l’occasione per ringraziare Claudio (Baglioni) che mi ha dato la possibilità di fare un’esperienza che ha lasciato un segno profondo nella mia carriera e sarà il modo per salutare il pubblico che in questo anno mi ha dimostrato un affetto che non è diminuito nonostante siano passati mesi“, ha spiegato al Corriere.

PIERFRANCESCO FAVINO: LA PAURA DEL FUTURO

Della partecipazione di Pierfrancesco Favino a Sanremo 2018 è rimasto impresso soprattutto il monologo sui migranti, che ancora sta portando in giro in teatro, La notte poco prima della foresta di Bernard-Marie Koltès del 1977. A Sanremo 2019 c’è aria di battaglia, dopo le dichiarazioni di Claudio Baglioni sui migranti criticate dal ministro Salvini: “In realtà quel testo non parla di migranti, è un monologo sul lavoro e sull’economia, sul fatto che per lavorare ci si debba spostare. Le mie domande in questo periodo vertono proprio sul futuro che spetta ai nostri ragazzi”, ha spiegato Favino. L’attore si dice contento della presenza di Claudio Bisio e di Virginia Raffaele, “entrambi bravissimi”. Gli viene chiesto del suo fastidio nei confronti dei social network e risponde che la sua è una scelta consapevole: “Penso che l’unico modo di comunicare debba passare attraverso il mio mestiere. Non faccio politica, la faccio nella scelta delle cose che faccio”. E’ un mondo, quello di oggi, conclude, che sembra andare in una direzione diversa anche rispetto a un concetto di comunità e appartenenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA