DANIELE SILVESTRI E RANCORE/ Video, “Argentovivo”: la prigione mentale di un adolescente (Sanremo 2019)

- Morgan K. Barraco

Daniele Silvestri, insieme al rapper Rancore, ha conquistato la platea di Sanremo 2019 con il brano “Argentovivo”.

Rancore e Daniele Silvestri
Rancore e Daniele Silvestri (Instagram, 2019)

Procede a buon ritmo la seconda puntata del Festival di Sanremo 2019. Sul palco sale Daniele Silvestri con il suo brano Argento Vivo. Lo introduce Claudio Bisio: “E ora presentiamo il prossimo cantante. Il protagonista della sua canzone è stato condannato ancora prima di nascere. E’ un adolescente ingabbiato dentro una prigione mentale. Ascoltiamo Daniele Silvestre!”. Insieme a Daniele Silvestri c’è anche il rapper Rancore, il contrasto tra i due stili è molto originale e accompagna un testo profondo su cui vale la pena riflettere. Argento Vivo è sicuramente uno dei brani più interessanti di questa sessantanovesima edizione del Festival di Sanremo. Chissà che non possa essere una delle sorprese in vista della finale.

Due generazioni a confronto

Sul palco con Rancore, Daniele Silvestri ha partecipato alla prima serata del Festival di Sanremo 2019 con il brano Argentovivo, realizzato dai due artisti in collaborazione con Fabio Rondanini e Manuel Agnelli, entrambi degli Afterhours. Il testo mette a confronto due generazioni, grazie all’alternanza dei due Big al microfono, che sottolineano ancora di più le differenze d’età e visione del mondo. “Ho capito che bisognava rivedere una serie di preconcetti“, racconta Silvestri a Rockol alcune ore prima della prima esibizione sanremese. Il testo è di sicuro impatto, così come le voci del cantautore e di Rancore che regalano forti emozioni al pubblico. Purtroppo il look di Silvestri è quasi da dimenticare, sottolinea Leggo, come del resto la maggior parte degli outfit dei concorrenti. Decisamente meglio invece il rapper, che sfata il mito dell’eleganza dell’Ariston presentandosi con giubbotto in pelle e maglietta con il teschio.

Zona blu per “Argentovivo”

Daniele Silvestri fa centro nella prima serata del Festival di Sanremo 2019, almeno secondo la classifica parziale. I sondaggi lo posizionano infatti all’interno della zona blu che ha raccolto i Big più amati dal pubblico italiano, oltre a qualche rivelazione degli anni più recenti come Ultimo. Una previsione che comunque trova accordo nelle ipotesi fatte dai bookmakers in questi giorni: quota 8,00 per Sisal Matchpoint e Sani, mentre 15,00 per Eurobet a pari merito con Shade e Federica Carta. Per ora non corrisponde ai numeri annunciati al termine del giro di esibizioni, ma è ancora tutto da vedere e soprattutto sembra che i punteggi non corrispondano già alle impressioni della sala stampa, che ha osannato per lo più Arisa. Applausi a piene mani invece da parte degli ammiratori, che si stanno congratulando sui social con l’artista per essere riuscito a ritornare quel Silvestri di un tempo. “Sapevo che non avresti deluso“, commenta infatti una fan che ha apprezzato in particolare il contributo di Manuel Agnelli, che ha dato quella sferzata in più ad un brano destinata a rimanere in testa a chi ascolta fin dalle prime note. Colpisce in particolare la passione con cui il cantautore ha interpretato le sue strofe, al di sopra di ogni aspettativa. L’ennesima dimostrazione insomma che Silvestri c’è, con tutta la sua profondità e testi che si allontanano di molto dal commerciale. Qualcuno intanto si chiede come mai il nome di Rancore non compaia nei credits ufficiali della kermesse. “Mi sa che ci è piaciuto“, dice Silvestri nelle Stories di Instagram in perfetto accordo con Rancore. Poche parole destinate ai fan: il motivo è forse da ricercare in quell’adrenalina “che scende lenta” di cui parla nel suo ultimo post. Soddisfazione piena da parte del cantautore anche per il videoclip del suo brano sanremese, di cui ha regalato un assaggio sui social. Clicca qui per guardare il video di Daniele Silvestri.



© RIPRODUZIONE RISERVATA