Luca Ward a Vieni da me/ “Quando ho visto per la prima volta Monica Bellucci…”

- Stella Dibenedetto

Luca Ward racconta i retroscena del suo rapporto con le donne con cui ha lavorato: da Michelle Hunziker a Monica Bellucci fino a…

luca ward
Luca Ward a Vieni da me

Luca Ward, sposato con Giada Desideri, dopo aver ripercorso la sua vita aprendo i cassetti dea famosa cassettiera, è tornato a Vieni da me per scegliere la sua partner ideale. Si parte con Vittoria Belvedere e Michelle Hunziker tra le quali è difficile scegliere: “sono due belle donne, me le carico entrambe e me le porto via. Sono due mondi completamente diversi, ma incontrando più spesso Vittoria elimino la Hunziker”. Arriva poi una delle donne più belle del mondo, ammirata sia dagli uomini che dalle donne.  “Monica Bellucci l’ho incontrata durante il doppiaggio di Matrix. Lei aveva un paio di jeans, un top, senza tacchi e i capelli legati. Era mattino presto e quando l’ho vista ho pensato: quanto è gnocca questa e poi me la sono ritrovata al doppiaggio“, ricorda Luca Ward che, poi, lascia a casa proprio la Bellucci per scegliere Edwige Fenech che promuove a pieni voti come produttrice: “è stata una sorpresa enorme perchè, oltre a seguire tutte le fasi del film, lei si mette a disposizione di tutti. Mentre giravamo La stella dei re in Marocco dove c’erano 40 gradi, lei arrivava e si metteva a distribuiri l’acqua a tutti assicurandosi che tutti stessero bene”.

LUCA WARD AL CINEMA: LA LOTTA CONTRO LA DROGA

Si parla poi del film “La mia seconda volta” che racconta la storia di una ragazza Giorgia che, per gioco, prende una pasticca di ecstasy e rischia la vita e si salva perchè un’altra ragazza perde la vita e dona gli organi, al cinema dal 21 marzo. “Questo film è importante perchè i ragazzi di oggi pensano di conoscere le droghe, ma in realtà non ne sanno nulla. Una volta, quando io ero ragazzo, si parlava di droga anche con gi spot pubblicitari. Oggi non se ne parla abbastanza. Un tempo, poi, la droga potevano permettersela solo i ricchi, oggi, invece, tutti i ragazzi hanno in tasca 5 o 10 euro. Un tempo, poi, lo spacciatore dovevi andare a cercarlo, mentre oggi basta andare in qualsiasi stazione ferroviaria e li trovi tutti là. Ci vorrebbe anche più controllo da parte dello Stato perchè questi sono portatori di morte”, spiega Ward che, tornando al gioco di Vieni da me, come partner ideale, la biondina degli Abba per la quale ha, da sempre, un debole: “lo sa anche mia moglie Giada”, conclude.



© RIPRODUZIONE RISERVATA