Come difendersi dagli attacchi hacker/ Regole e consigli: password, backup, reti e…

- Silvana Palazzo

Come difendersi dagli attacchi hacker? L’importanza della cyber sicurezza: ecco regole e consigli, dalle password ai backup, passando per le reti Wi-Fi e i comportamenti individuali…

computer pc lavoro Pixabay1280 640x300
Pixabay

L’attacco hacker alla Regione Lazio ha riportato l’attenzione sul crescente fenomeno dei reati informatici e quindi sull’importanza della cyber sicurezza. In un mondo che evolve e ha lanciato la transizione digitale, il rischio hackeraggio non è solo più concreto, ma anche più minaccioso. Secondo l’Associazione italiana per la sicurezza informatica, negli ultimi quattro anni gli attacchi informatici sono cresciuti del 78%. Dunque, sapere come difendersi da essi è di fondamentale importanza. Come riuscirci? Oltre alla tecnologia, sono importanti i comportamenti individuali. Ad esempio, mai usare pc privati per accedere a sistemi aziendali. Mai aprire mail di qualcuno che non si conosce. Le aziende possono adottare contromisure adeguate, dotandosi di Security operation center che controllano il rispetto delle policy di sicurezza: usare solo pc aziendali, cambiare password una volta al mese, controllare gli accessi… Ma ci sono suggerimenti pratici per rendere i vostri sistemi più sicuri.

PASSWORD E RETI

Partiamo dai suggerimenti basilari, come quello di usare password forti. Bisogna ricordarsi di aggiornare sempre le password, soprattutto quelle deboli o che vengono usate per più account. Sceglietene una da almeno 8 caratteri, che contenga numeri, lettere (maiuscole e minuscole) e caratteri speciali. Magari anche abilitare l’autenticazione a più fattori. Attenzione alla connessione Wi-Fi. Le reti pubbliche sono comode, ma anche rischiose, perché non protette, quindi se dovete accedere a servizi personali, server aziendali o fare acquisti non usatele, perché potrebbero introdursi malintenzionati e criminali. Più in generale, attenzione alle e-mail che ricevete e ai link che capitano via sms, WhatsApp o durante la navigazione, perché il phishing è sempre dietro l’angolo.

BACKUP E ANTIVIRUS

Un’operazione semplice, la cui importanza però viene spesso sottovalutata. Per evitare di perdere informazioni per voi essenziali, dovete fare un backup usando un supporto esterno, così da avere sempre a disposizione una copia di dati importanti. Con il backup potete ripristinare i sistemi in caso di imprevisti, usando copie di sicurezza. Il consiglio è di puntare su un backup off-site, cioè su una copia di dati che non sia connessa a nessun dispositivo, affinché nessuno possa accedervi dall’esterno. Un altro aspetto da non sottovalutare è l’aggiornamento di software e programmi per usare versioni ottimizzate, quindi con meno vulnerabilità. A tal proposito, è importante avere programmi antivirus e anti-spyware per prevenire furti di dati e violazioni di privacy. Sul mercato ve ne sono diversi che garantiscono protezioni multisistema (pc, smartphone, tablet).

NAVIGARE IN MANIERA SICURA

L’anello debole nella catena della cyber sicurezza è solitamente umano, quindi torniamo ai comportamenti. Continuate ad usare le impostazioni sulla privacy, perché gli hacker prima imparano tutto della vittima, poi l’attaccano. Inoltre, lanciano delle esche, quindi non abbassate mai la guardia quando navigate online, perché un click poco attento potrebbe mettere a repentaglio dati personali o infettare un dispositivo. Massima attenzione a ciò che si scarica: i malware possono nascondersi tra i giochi e gli strumenti che controllano il traffico e il meteo, dunque mai scaricare app ambigue o che provengono da siti poco affidabili. Altrettanto importante è fare attenzione agli acquisti online, optando per siti sicuri, visto che bisogna fornire informazioni riguardanti la propria carta di credito il conto bancario, praticamente le informazioni che ricercano gli hacker. La prima cosa da fare, dunque, è controllare che gli indirizzi inizino per https, siti protetti che sono solitamente contraddistinti dall’icona del lucchetto vicino alla barra degli indirizzi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA