Corea del Nord, condannato a morte per Squid Game/ Ne ha venduto una copia pirata

- Davide Giancristofaro Alberti

In Corea del Nord un uomo sarebbe stato condannato a morte per avere venduto una copia pirata di Squid Game: ecco i dettagli della vicenda

squid game youtube 640x300
Squid Game

Torna a far parlare di se Squid Game, la serie dei record firmata Netflix, ideata e prodotta in Sud Corea. Stando a quanto riferito dal blog Screenweek.it, citando Radio Free Asia, un uomo nordocreano sarebbe stato condannato a morte in quanto avrebbe contrabbandato delle copie pirata proprio dello stesso telefilm thriller/horror della piattaforma di streaming americana.

La condanna, se da una parte sorprende il mondo occidentale, dall’altra rientra perfettamente nelle nuove norme introdotte dal regime di Kim Jong-un, una legge che permette “l’eliminazione dei pensieri e della cultura reazionari”, e che prevede appunto fino alla pena di morte se semplicemente si visiona, ma anche se si detiene o distribuisce dei prodotti media, quindi film, serie tv, ma anche giornali e musica, provenienti dai paesi cosiddetti capitalisti, ed in particolare dalla Corea del Sud e dagli Stati Uniti. La vicenda avrebbe riguardato precisamente sette studenti, arrestati dopo essere stati scoperti dalle forze dell’ordine.

SQUID GAME IN COREA DEL NORD: CONDANNA A MORTE ED ERGASTOLO, ECCO COSA E’ SUCCESSO

Stando a quanto afferma la fonte, un uomo delle forze dell’ordine della provincia di Hamgyong rimasto ovviamente anonimo, tutto sarebbe iniziato “la scorsa settimana, quando un liceale ha comprato in segreto una chiavetta USB contenente la serie sudcoreana Squid Game e l’ha guardata con uno dei suoi migliori amici in classe”. E ancora: “L’amico lo ha detto a diversi altri studenti, che si sono detti interessati, e [i due] hanno condiviso la chiavetta con loro”. Nel contempo la 109 Sangum, la task force nordcoreana specializzata nello scovare il contrabbando di video illegali, ha ricevuto la soffiata ed ha colto in flagrante i ragazzi che stavano visionando Squid Game.

Lo studente che ha comprato la chiavetta è stato condannato all’ergastolo mentre gli altri sei che hanno visionato la serie sono stati condannati a cinque anni di lavori forzati. Colpiti dal provvedimento anche un insegnante e alcuni dirigenti scolastici, che sarebbero stati licenziati e che ora rischiano il trasferimento nelle miniere. Infine, il contrabbandiere che ha venduto la coppia pirata di Squid Game, verrà fucilato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA