Coronavirus, Salvini “Esposto vs Rossi”/ Caos Toscana “Zero controlli su chi rientra”

- Carmine Massimo Balsamo

Coronavirus, Salvini contro Rossi: bufera in Toscana per le misure preventive contro il virus, la Lega mette nel mirino il governatore.

coronavirus salvini rossi coronavirus toscana
Il post di Salvini su Instagram

Fari accesi sulla situazione di Codogno, con il Ministero della Salute che ha diramato i consigli per la prevenzione, ma il coronavirus diventa un caso in Toscana: Salvini si è scagliato contro il governatore Enrico Rossi ed ha annunciato un esposto nei suoi confronti. Già nelle scorse ore il virologo Roberto Burioni aveva attaccato la Regione sulla quarantena – «Non capisco per quale motivo la Regione si intestardisca ad affermare che la quarantena non è necessaria. Sarebbe un minimo sacrificio per i 2.500 cittadini che porterebbe però una grandissima sicurezza per tutti gli altri» – ma l’esponente di Liberi e Uguali è stato chiaro: la Regione segue le indicazioni del ministero e dunque nessuna forma di controllo particolare sui cittadini cinesi rientrati dalla madrepatria dopo le feste di Capodanno. E la Lega lancia l’attacco…

CORONAVIRUS, SALVINI: “ESPOSTO CONTRO ROSSI”

«Presentiamo un esposto denuncia contro il presidente Rossi, che non facendo tutti i controlli necessari su chi rientra dalla Cina, mette a rischio la salute dei cittadini toscani, e accusa chi lo critica, scienziati e medici compresi, di essere un ‘fascioleghista’», le parole di Matteo Salvini su Instagram: La Nazione pota che l’esposto annunciato dal leader della Lega è nato da un’iniziativa degli eletti toscani del Carroccio, mettendo nel mirino anche l’assessore alla Salute Stefania Saccardi. Infine, la Federazione Toscana degli Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri (Ftom) ha chiesto «alla stessa Autorità Regionale, nell’interesse dell’intera collettività, di prevedere anche il ricorso a provvedimenti di quarantena laddove, ne ricorra la necessità, al fine di contenere la diffusione di un virus che può colpire chiunque».

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA