“Covid? Cortisone a casa aumenta mortalità”/ Burioni: “Medici lo prescrivono, ma…”

- Alessandro Nidi

Roberto Burioni: "Il cortisone a casa quintuplica il rischio di morte da Covid". L'esperto richiama uno studio svolto in Perù e pubblicato su "Travel Medicine and Infectious Disease"

Roberto Burioni Il virologo Roberto Burioni (Foto LaPresse)

Roberto Burioni, docente di Virologia e Microbiologia all’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, ha pubblicato sui suoi social la conclusione di uno studio secondo cui il cortisone assunto a domicilio durante l’infezione da Covid accrescerebbe notevolmente il pericolo di andare incontro a un esito fatale della malattia. Detto in altri termini e riproducendo fedelmente quanto scritto dall’esperto, “siccome ancora qualche medico lo prescrive, sappiate che la somministrazione di cortisone nella terapia domiciliare di Covid-19 non solo non fa bene, ma aumenta di 5 volte la possibilità di lasciarci la pelle”.

L’affermazione di Burioni, come detto, si rifà a un lavoro di ricerca medico-scientifica che ha trovato spazio sulla rivista “Travel Medicine and Infectious Disease”. In particolare, esso rimanda a pazienti ricoverati per Covid all’ospedale “Carlos Seguín Escobedo” di Arequipa, in Perù, nel corso della seconda ondata che ha colpito il Paese sudamericano (luglio-settembre 2021).

COVID E CORTISONE: STUDIO SCONSIGLIA LA TERAPIA

In particolare, come si legge sulle colonne dell’agenzia AdnKronos Salute, che per prima ha rilanciato il post di Roberto Burioni sul Covid e sul cortisone, l’obiettivo dello studio eseguito in Perù era quello di indagare l’associazione tra l’assunzione preospedaliera di farmaci e lo sviluppo di esiti fatali in pazienti che erano stati contagiati dal virus SARS-CoV-2 e che hanno avuto bisogno di un ricovero presso la struttura nosocomiale sopra menzionata.

“In tutto sono stati valutati 192 malati, di cui il 64,6% aveva usato a domicilio farmaci antinfiammatori non steroidei, il 35,4% corticosteroidi, il 28,1% antibiotici (macrolidi o ceftriaxone), il 24,5% ivermectina e il 21,9% warfarina”, riporta la ricerca. Di queste persone, il 30,2% ha purtroppo perso la vita durante il follow-up. Gli autori dello studio peruviano hanno pertanto concluso che “l’uso preospedaliero di cortisone è stato associato a un rischio 5 volte maggiore di sviluppare esito fatale della malattia da Covid”.







© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Scienze

Ultime notizie