CRISTIAN “OMBRA” MIGNENI/ Il modello che si è tatuato le pupille degli occhi (Iene)

- Dario D'Angelo

Cristian “Ombra” Migneni: chi è il tattoo model intervistato da Andrea Agresti de Le Iene Show a proposito di body modification: lui si è tatuato le pupille

cristian ombra 2020 iene 640x300
Cristian "Ombra" Migneni

Un viaggio da non perdere quello de Le Iene Show in onda oggi su Italia Uno: Andrea Agresti parlerà infatti di “body modification“, la pratica che consiste nel cambiarsi i connotati senza alcuna ragione medica. In questo senso Cristian Mignemi, modello anche noto con il soprannome di “Ombra“, è un vero e proprio esperto in materia. Non dovete infatti pensare ad interventi di chirurgia routinari: rifarsi il senso? Optare per un lifting? Roba da pivelli. C’è chi come Cristian “Ombra”, infatti, ha deciso di andare oltre, molto oltre. Scommettiamo che quando lo saprete vi usciranno gli occhi fuori dalle orbite. Ecco, gli occhi, appunto: se osservate bene il suo sguardo vi renderete conto che non è poi così “normale”. Sì, perché Cristian in qualità di tatoo model, ha deciso di tatuarsi le pupille…

CRISTIAN “OMBRA”, IL MODELLO CHE SI E’ TATUATO LE PUPILLE DEGLI OCCHI

Qualche anno fa, quando la sua popolarità iniziava ad aumentare, Cristian venne intervistato dal blog “AndreOneBlog“. Queste alcune delle sue parole: “Il mio primo tatuaggio è stato il disegno di un ragno sulla mano sinistra che mi sono fatto da solo con ago e china quando avevo 14 anni e ancora adesso rimane il mio preferito. Che significato ha per me un tattoo? Beh, a parte i classici tatuaggi per ricordare un momento della propria vita o una persona, per me tatuarmi e un po’ come cambiare pelle in continuazione un evoluzione di sé stessi per essere o assomigliare ad un altro essere e sinceramente ora voglio togliere ogni parte bianca del mio corpo“. Rispetto alla decisione di tatuarsi le pupille, Cristian Ombra spiegò: “Beh sì diciamo che questa è una mia particolarità che spicca, anche se negli ultimi anni moltissime persone si stanno tatuando la sclera (parte bianca dell’occhio per chi non lo sapesse) con molteplici colori (…) ma quando l’ho fatto io in Italia eravamo solo in due e nel mondo poche centinaia credo e questo risale a inizio 2013 quasi 3 anni fa“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA