Ultime Notizie / Oggi, ultima ora: è morto George Michael. Napoli, caccia all’uomo per omicidio Materazzo (lunedì 26 dicembre 2016)

- La Redazione

Ultime notizie, ultima ora di oggi 26 dicembre 2016. Nella notte la morte di George Michael sconvolge tutto il mondo. Un aereo russo si schianta con a bordo il coro dell’Armata Rossa.

george_michael_concerto
George Michael - La Presse

Continua la caccia all’uomo di Luca Materazzo, il giovane di Napoli ricercato in questi giorni per l’omicidio del fratello Vittorio. Una nuova foto è stata diramata oggi per aiutare le autorità a procedere con l’arresto del presunto assassino. L’aggiornamento dell’informazione è dovuto al fatto che finora le immagini del ragazzo diramate risalivano a diversi anni fa, per cui non corrispondono alle sue sembianze attuali. Le indagini su Luca Materazzo continuano dallo scorso 9 dicembre, giorno in cui è stata emessa nei suoi confronti l’ordinanza di custodia cautealare per l’accusa di omicidio premeditato. L’omicidio di Vittorio Materazzo risale invece al 28 novembre scorso, ritrovato dagli inquirenti nelle ore successive. Un test del DNA sui coltelli, casco ed abiti usati dall’assassino avrebbe confermato la colpevolezza del fratello. 

E’ scoppiata la polemica a Grumo Appula, in provincia di Bari, dopo che il parroco, don Michele Delle Foglie, ha affisso alcuni manifesti funebri in cui invita i fedeli alla Messa in suffragio di Rocco Sollecito, boss della ‘ndrangheta ucciso lo scorso maggio a Montreal. Sui manifesti, come riporta Tgcom24, si legge: “Il parroco spiritualmente unito ai famigliari residenti in Canada e con il figlio Franco venuto in visita nella nostra cittadina, invita la comunità dei fedeli alla celebrazione di una santa messa in memoria del loro congiunto”. La messa è stata annunciata per domani 27 dicembre. Lo scorso giugno il questore di Bari impedì i funerali del boss ma il parroco don Michele Delle Foglie non condivise il divieto. Secondo gli investigatori Rocco Sollecito, boss del clan Rizzuto, è stato ucciso nella guerra tra mafia e ‘ndrangheta che si sta svolgendo Oltreoceano.

La sindaca di Roma Virginia Raggi è intervenuta sul sito del Comune per commentare la vicenda relativa al parare non favorevole dell’Oref allo schema di bilancio di previsione 2017-2019 che è stato adottato dalla giunta a novembre. «Siamo già al lavoro per modificare il documento previsionale da sottoporre all’Assemblea Capitolina», assicura la sindaca di Roma, ribadendo che la sua azione non si arresta e che anzi «continuerà a basarsi sempre sui principi di trasparenza e rigore». Virginia Raggi ha poi precisato che «ci sono i tempi per approvare il bilancio nei termini previsti dalla legge». Per quanto riguarda la festa per l’arrivo del nuovo anno, la sindaca di Roma ha annunciato di aver presentato un unico grande evento, chiamato “1 gennaio 2017-La Festa di Roma”. «Aspetteremo l’alba e fino a sera ci ritroveremo per una festa lunga un giorno tra storia, contemporaneità e comunità, con uno straordinario programma di eventi. Sarà una festa di 24 ore, con 500 artisti» ha aggiunto Virginia Raggi.

È morto George Michael, uno dei più grandi artisti della musica mondiale, un artista che nella sua vita aveva venduto centinaia di milioni di dischi. Michael è deceduto probabilmente per un infarto, nella sua casa inglese dello Oxfordshire. La polizia immediatamente giunta nella sua casa, non ha ritenuto opportuno aprire un inchiesta, visto la morte naturale dell’artista. Michael nato nel 1963 aveva raggiunto il successo con i “Wham”, ma aveva raggiunto la notorietà internazionale grazie a un duetto con Aretha Franklin, che ancora oggi rimane in cima alle classifiche delle cose più belle della musica internazionale. L’artista ha raggiunto il massimo della sua carriera all’inizio degli anni 90, poi un lungo declino culminato con molte “querelle legali”. Nel 1998 l’ennesimo colpo di scena, arrestato da un poliziotto in borghese per “atti osceni in luogo pubblico”, ammise pubblicamente di essere gay, un’omosessualità che di fatto lo rese nuovamente famoso, per un ammissione che aveva del plateale per uno degli uomini più interessante e famoso del mondo.

I funerali di Fabrizia Di Lorenzo – Una piazza strapiena di cittadini normali, mentre dentro solamene i familiari, gli affetti più cari e le massime cariche dello stato. Questo è stato l’ultimo saluto a Fabrizia Di Lorenzo, la 31enne di Sulmona uccisa il 19 Dicembre nell’attentato ai mercatini di Natale a Berlino. Il feretro salutato dagli applausi, è entrato nella cattedrale di San Panfilo dove durante l’omelia tenuta dal vescovo, monsignore Spina, è stata sottolineata la sua grande dedizione allo studio e la sua passione per il mondo, una passione che l’aveva portata con una laurea e due master a cercare fortuna in Germania. I funerali hanno visto la partecipazione del presidente della Repubblica, Mattarella e del ministro Minniti, con il capo dello stato che ha voluto fortemente presenziare a un funerale che ha unito nel dolore l’intero Abruzzo.

Israele sfida l’Onu – Una vera e propria sfida quella lanciata da Israele all’Organizzazione delle nazioni unite, che nell’ultimo consiglio aveva vietato nuovi insediamenti. Di oggi infatti la comunicazione che il comune di Gerusalemme ha autorizzato un piano di costruzione di oltre 600 appartamenti, nei territori a prevalenza araba. La risoluzione dell’ONU aveva di fatto aperto una crisi diplomatica tra Tel Aviv e i paesi che l’avevano approvata, con Netanyahu che aveva persino convocato gli ambasciatori dei paesi che si erano contrapposti alla sua politica di espansione. Questa nuova decisione non passerà sicuramente inosservata e contribuirà a far salire la tensione in una zona del mondo, tra le più pericolose dell’interno pianeta.

30 morti a sud di Aleppo – Una città tartassata dalla violenza, in cui nonostante la liberazione avvenuta pochi giorni fa si continua a morire. Oggi infatti ad Aleppo sanguinoso attentato da parte dei guerriglieri dell’Isis, attentato che ha causato una trentina di vittime nella zona est della città, una zona ancora in mano ai jihadisti. La città liberata da qualche giorno era salita agli albori della cronaca per la difficile situazione della popolazione civile, che non riesce a lasciare la città, un centro nel quale ormai tutti i servizi basilari sono ormai inesistenti. In tale contesto spicca l’appello del Pontefice che proprio ieri ha voluto rinnovare l’attenzione sulla situazione, che fino adesso ha provocato centinaia di migliaia di vittime.

Attesa per il Boxing Day – Forse una delle poche volte dell’anno in cui la premier gioca molte delle sue partite nello stesso giorno e nello stesso orario, questo è il Boxing Day, un giorno che l’Inghilterra dedica integralmente al calcio della massima serie. Spiccano in tali sfide la possibilità che il Chelsea di Antonio Conte ha di distanziare le altre rivali, con i Blues che ospiteranno in uno Stamford Bridge che si preannuncia strapieno, il modesto Bournemouth. Facile anche la sfida del Manchester City che giocheranno in trasferta contro Hull City, la squadra di Guardiola avrà la possibilità almeno per un giorno di superare il Liverpool, con i Reds che giocheranno solamente domani contro lo Stoke City. Facile anche la sfida dell’Arsenal che nel pomeriggio ospiterà il West Bromwich, il Leicester di Ranieri si troverà invece impegnato in casa contro l’Everton.

Juventus, si complica la trattativa per il centrocampista N’Zonzi – Non sarà facile portare il centrocampista francese Steven N’Zonzi a vestire la maglia della Juventus. Il calciatore è un pupillo del mister juventino Massimiliano Allegri, che ha potuto ammirarlo nel doppio confronto avuto in Champions League contro gli andalusi del Siviglia, attuale club di appartenenza. Tuttavia la squadra spagnola non sembra intenzionata a trattare per la sua cessione e l’unico modo per assicurarselo sarebbe pagare la clausola rescissoria inserita nel suo contratto. Una clausola molto alta, dal valore di 30 milioni di euro. L’intenzione della Juventus era di prenderlo già a gennaio, ma a queste cifre è più facile che l’operazione si concretizzi nel prossimo mercato estivo.

Higuain paragona Dybala a Messi e punta la Champions – Il bianconero gli sta entrando sempre più nel cuore. Gonzalo Higuain, nonostante l’amarezza della sconfitta in Supercoppa Italiana contro il Milan, sta entrando sempre più a far parte della famiglia Juventus. Un ambiente che lo ha conquistato fin da subito, per l’organizzazione e per la bravura dei compagni di squadra che giocano al suo fianco. Fra questi un altro fenomeno argentino, il piccolo Paulo Dybala. Lo stesso Higuain ha affermato di rivedere molte delle qualità di Lionel Messi, il calciatore più forte al mondo, nella Joya. Un paragone scomodo, ma che Dybala è in grado di sopportare. Inoltre Higuain ha parlato dell’obiettivo Champions League. La strada naturalmente è lunga e irta di difficoltà, ma secondo El Pipita la Juventus può e deve puntare a questo titolo prestigiosissimo e ambito da tanto tempo.

Milan, senti Bonaventura. Con dei rinforzi sei da Champions – Vinta la Supercoppa Italiana nella splendida finale di Doha contro la Juventus, il Milan non ha certamente intenzione di fermarsi. L’obiettivo è proseguire sulla strada intrapresa e continuare a migliorare sempre più, grazie alla spinta di alcuni calciatori chiave. Giacomo Bonaventura, a segno proprio contro la Juventus, ha parlato del prossimo futuro del club rossonero. Senza dubbio è necessario che durante la finestra invernale del calciomercato arrivino alcuni rinforzi, per puntellare i reparti e per avere una maggior rotazione. Intanto è arrivato il rinnovo dello spagnolo Suso fino al 2021. Un calciatore con una qualità eccelsa, che lo stesso Bonaventura ha paragonato ad un altro spagnolo, il fenomeno del Manchester City, David Silva. Parole d’elogio anche per la’llenatore, Vincenzo Montella, che ha avuto soprattutto il merito di cambiare il morale nell’ambiente rossonero e di valorizzare calciatori che negli anni passati avevano faticato.

Nba, i Cleveland Cavaliers battono i Golden State Warriors 109 a 108 – Sfida splendida nel giorno di Natale nel campionato di pallacanestro più bello del mondo. I campioni in carica dei Cleveland Cavaliers e i Golden State Warriors hanno dato vita ad un remake della finalissima dello scorso anno. A trionfare sono stati Lebron James e compagni, al termine di una sfida combattutissima e ricca di emozioni. Il miglior marcatore è stato Kevin Durant, che ha chiuso il proprio score con 36 punti all’attivo. 31 i punti fatti da Lebron James, mentre Kyrie Irving ne ha messi a referto ben 25.

L’erede di Shumi cresce – Sale le gerarchie dei motori internazionali il figlio del mai dimenticato campione di automobilismo Michel Schumacher. Il giovane Mick, diciassette anni appena compiuti correrà nella prossima stagione in Formula 3, nell’importante team Prema, squadra italiana che di fatto ha scoperto un’infinità di campioni. Il giovane che dal padre ha preso la meticolosità e il coraggio lo scorso anno aveva gareggiato in formula 4 vincendo una gara. Intanto le condizioni del padre continuano a non migliorare, con il campione tedesco pluricampione del mondo che viene curato all’interno di una clinica privata, organizzata dalla sua famiglia all’interno della sua villa, reduce di un incidente sulle piste di sci che lo ha lasciato in un letto di ospedale.

Sono state trovate dai militari russi impegnati nelle operazioni militari in Siria fosse comuni ad Aleppo. A riferirlo, come riporta Tgcom24, è stato il ministero della Difesa di Mosca. Il governo russo ha fatto sapere che sui cadaveri sono stati trovati segni di tortura e di mutilazioni. In una nota il ministero della Difesa russo spiega che “le truppe russe hanno trovato fosse comuni di diverse decine di siriani”. Il portavoce Igor Konashenkov ha aggiunto poi che alcuni dei cadaveri erano stati mutilati e altri avevano segni di ferite da arma da fuoco. La città siriana di Aleppo è passata la scorsa settimana interamente nelle mani dell’esercito siriano, dopo un lungo assedio da parte dei ribelli.

E’ scattato questa mattina un allarme bomba a Mosca nella metropolitana. Secondo quanto riportato dal Messaggero, tre stazioni sono state evacuate in seguito all’allerta che è stato diramato per una possibile esplosione di una bomba all’interno della metro. A riferire dell’allarme bomba, si legge sulla testata, è l’agenzia di stampa russa Ria Novosti che cita fonti della sicurezza russe. Le stazioni della metropolitana che sono state evacuate sono Kazansky, Leningradsky e Yaroslavsky: si tratta di snodi fondamentali del traffico dei pendolari di Mosca. E sono circa 3.000 le persone che sono rimaste coinvolte nell’evacuazione visto che oggi in Russia è un giorno lavorativo.

George Michael morto ieri nel giorno di Natale, aveva già avuto in passato problemi di salute. Nel 2011, come ricorda Tgcom24, il cantante aveva rinviato una serie di concerti dopo un ricovero in ospedale per una grave polmonite. E successivamente, nel 2014, era stato in rehab per la sua dipendenza dal crack. George Michael, il cui vero nome era Georgios Kyriacos Panayiotou, era nato a Londra: nella sua carriera, durata quasi 40 anni, ha venduto oltre 100 milioni di dischi. All’inizio di dicembre aveva annunciato di essere al lavoro su un nuovo album. Secondo la polizia non ci sarebbero “circostanza sospette” legate alla morte dell’artista inglese. Nell’annunciare la scomparsa di George Michael il manager Lippman ha parlato di “insufficienza cardiaca” e ha chiesto “privacy e rispetto” per la famiglia dell’artista (clicca qui per leggere la notizia approfondita).

Sono in programma oggi a Sulmona i funerali di Fabrizia Di Lorenzo, la ragazza di 31 anni vittima italiana dell’attentato di Berlino che ha provocato 12 morti e 48 feriti nel mercatino di Natale: un tir è piombato sulla folla che stava facendo gli ultimi acquisti e ha fatto la strage. Oggi a Sulmona è stato proclamato il lutto cittadino: ai funerali di Fabrizia Di Lorenzo saranno presenti il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il ministro dell’Interno Marco Minniti. Il presunto killer di Berlino Anis Amri, è stato ucciso alla periferia di Milano, a Sesto San Giovanni. Il capo della Polizia Franco Gabrielli, come riporta Tgcom24, ha definito “un chiaro riconoscimento” la divulgazione dei nomi degli agenti che hanno bloccato e ucciso l’attentatore: si indaga sulla pistola e la scheda telefonica che l’uomo aveva con sé.

Il 2016 non termina di dare dolori agli amanti dello spettacolo e si porta via un altro incredibile artista. E’ morto infatti nella notte George Michael che si è spento all’età di cinquantatré anni come riporta la Bbc. L’artista londinese aveva appena cinquantatré anni e si trovava a Goring-on-Thames. Il comunicato ufficiale riportato dall’edizione online de Il Messaggero recita: “E’ con grande tristezza che confermiamo che il nostro amato fratello, amico e figlio George Michael è passato a migliore vita in casa sua. La famiglia chiede sia rispettata la privacy in questo momento difficile”. Non sono ancora state specificate le cause del decesso di un artista che con la sua musica aveva rivoluzionato gli anni ottanta, dimostrando davvero grande carisma e una voce fuori dal comune. Erano ormai diversi anni che George Michael non si vedeva all’opera, l’ultimo tour, Symphonica, risale al 2011/12.

Un Tupolev 154 russo è precipitato dopo qualche minuto dal decollo, nella zona di mare prospiciente la cittadina costiera di Sochi, un città della Russia Meridionale ai confini con la Georgia. L’aereo che doveva raggiungere la Siria, aveva a bordo il coro dell’armata rossa, un coro conosciuto in tutto il mondo, che doveva recarsi nella città portuale siriana di Latakia per tenere un concerto nell’imminenza del capodanno. Tutti i morti gli 84 passeggeri, periti anche gli otto membri dell’equipaggio. L’aereo di costruzione 1993, è scomparso dai radar una decina di minuti dopo il decollo, il pilota non aveva evidenziato anomalie, e le condizioni meteorologiche in zona erano ottimali. Gli investigatori seguono tutte le piste, non escludendo neppure la matrice del terrorismo internazionale.

Una scossa di terremoto di magnitudo superiore ai 7 gradi Richter, è stata registrata nella mattinata italiana in una zona a sud del Cile e precisamente a Puerto Quellon. Dai primi rilievi , la scossa che aveva un “ipocentro” abbastanza superficiale, non sembrerebbe aver causato grossi danni ne tanto meno vittime. Le autorità cilene nell’immediatezza del sisma hanno diramato un allarme tsunami, non potendo escludere onde di un metro, hanno poi successivamente abbassato tale stima a non più di trenta centimetri. Non è la prima volta che scosse definite “importanti” vengono registrati nella zona, un territorio conosciuto per la presenza nella profondità di notevoli “placche continentali”, soggetti a continui spostamenti.

Accorato e importante il messaggio che papa Bergoglio ha voluto rilasciare al mondo, nella giornata in cui si festeggia la natività del Signore. il vicario di Cristo, sia durante la messa in una San Pietro stracolma e piena di misure di sicurezza, ha voluto ricordare il dramma dei bambini nelle zone di guerra, zone che oggi sono state ricordate durante l’angelus, con il pontefice che ha chiesto a gran voce che “Tacciano le armi”. Dall’Iraq alla Siria, dalla Terra santa al Sudan, Dal Venezuela alla Corea, tutte le zone sono state citate, e per tutte l’appello, ove possibile, ad intavolare trattative di pace che possano migliorare la vita non sono dei cristiani, ma finanche di tutti gli abitanti.

Un’imponente operazione di soccorso portata avanti con professionalità e coraggio, da oltre un centinaio di soccorritori, appartenenti a tutti i corpi civili e militari presenti in zona, e che ha permesso in oltre sette ore di far scendere tutti i 153 sciatori bloccati nella funivia del Cervinia per il forte vento. I soccorsi sono stati in alcuni momenti spettacolari, con le guide alpine che si sono calate negli ovetti, e sono entrati al loro interno tramite la botola superiore, una volta dentro hanno provveduto ad imbragare i passeggeri e farli scendere a terra legati con una fune. Le operazioni nella parte finale hanno subito un accelerazione stante il miglioramento delle condizioni meteo, e l’intervento di un elicottero svizzero abilitato al “volo notturno”. La funivia si era bloccata per una folata di vento, che aveva fatto uscire una delle funi di sostegno dalle sue guide.

Una location inusuale ma bellissima, quella scelta dal terzino dell’Inter Nagatomo, che dopo aver portato la sua fidanzata Airi Taira in un San Siro deserto, si è inginocchiato sul prato verde, e gli ha chiesto se voleva diventare sua moglie. Il giocatore dell’Inter ha poi voluto puntualizzare tramite i social, che il gesto oltre a far felice la sua futura moglie è stato fatto per ringraziare tutto l’ambiente interista, un ambiente che di fatto lo ha adottato, facendogli superare tutte le avversità che un giovane calciatore fuori sede ha. Non si sa ufficialmente se la ragazza ha gradito la sorpresa, quello che è certo che le lacrime dell’attrice giapponese sono state spontanee, e lasciano prefigurare di certo un …si.

Curiosa e sicuramente costosa trovata dell’allenatore del Montpellier, squadra che milita a centro classifica del massimo campionato francese. L’allenatore della squadra Frederic Hantz, prima della festa di squadra ufficiale ha pesato tutti i giocatori, immediatamente dopo ha comunicato che eventuali strappi alla dieta nel periodo natalizio, costeranno ben un euro al grammo, o per sintetizzare mille euro al chilo. L’allenatore che non è nuovo a trovate del genere, ha voluto sottolineare con i giornalisti che il rientro dalle ferie natalizie è problematico, non tanto per lo stato di forma quanto per il sovrappeso, che impone almeno una settimana di sedute differenziate, per questo quest’anno ha voluto giocare d’anticipo. Giocatore avvisato, mezzo salvato.

In un mercato sempre più internazionalizzato, tengono banco quelle che dalla Cina sembrano delle vere e proprie follie. Dopo l’ingaggio fuori mercato per Pellè, l’acquisto del cartellino di Oscar e l’arrivo in oriente di Hulk, ora è la volta di Nikola Kalinic. Il giocatore della fiorentina interessa infatti al Tianjin Quanjian, squadra neo promossa allenata da Fabio Cannavaro, i dirigenti orientali nel giorno di Natale sono arrivati a Firenze con un offerta, stante anche l’età del giocatore, stratosferica. Ben quaranta milioni di euro, tutti in contanti e tutti sull’unghia. Della Valle che in estate aveva dichiarato il giocatore incedibile, a quanto si apprende starebbe riflettendo, una cifra definita “importante” è sempre difficile da rifiutare, soprattutto se questa è riferita a un giocatore che sta per concludere la carriera sportiva.

Da Chiellini che fa i complimenti al Milan a Cristiano Ronaldo che si “selfa” dinanzi a un suo poster, dalla coppia Pennetta&Fognini che legittimano l’arrivo di un bebè a Bebe Vio che si immortala in una profumeria, da Bobo Vieri che presenta la sua nuova fiamma di colore a Tamberi che salta sul ponte di Brooklyn, tanti e alcune volte stranissimi gli auguri che gli sportivi hanno voluto lanciare ai propri ammiratori, nel periodo dei social. Molti hanno deciso di viaggiare fuori dai confini nazionali, ma alcuni hanno preferito la tranquillità della propria abitazione, magari unita all’affetto dei propri cari. In questa carrellata non poteva mancare quello che ormai un ex atleta stante il suo recente ritiro, Martin Castrogiovanni, che si è fatto immortalare nella sua Argentina con un cappello da babbo natale, e con un amico speciale: Topolino.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori