Mamma investita per salvare i figli/ È morta Antonela Kmet dopo 2 settimane di coma: ha dato la vita per loro

- Niccolò Magnani

È morta la mamma investita per salvare i figli: Antonel Kmet, dopo due settimane di coma a Treviso, è deceduta per le troppo gravi ferite. Ha offerto la sua vita per loro, ecco come

antonella_kmet_mamma_scudo_figli_investita_treviso_facebook_2017
Antonela Kmet, mamma investita per salvare i figli (Facebook)

Alla fine ha offerto la sua vita per i suoi bambini: è questo l’unica cosa sensata che si può dire nel caso tragico della morte di Antonela Kmet, la mamma che è stata investita due settimane fa a Pieve di Soligo (Treviso) per fare scudo ai suoi figli che stavano per essere investiti, sulle strisce pedonali, dall’incauto sopraggiungere di una anziana 87enne alla guida che non aveva visto i pedoni. Due settimane di coma con la lotta tra la vita e la morte non sono bastate per salvare Antonela che purtroppo ieri si è spenta all’ospedale trevigiano. 46 anni di origini croate, la donna è rimasta ferita troppo gravemente per riuscire a riprendere un filo di speranza di sopravvivenza e i medici 20 ore fa hanno dovuto dichiarare la morte, nel pianto e nel dolore di una famiglia improvvisamente attraversata dall’orrore di una morte “evitabile” e insensata. Un istinto, quello della madre per i propri figli, che l’ha di fatto fatta gettare sotto la macchina per spostare in extremis i due ragazzini che campeggiano sul suo profilo Facebook praticamente in ogni foto. I medici del reparto di neurochirurgia avevano cercato di tamponare la situazione con una operazione, ma le possibilità che la donna potesse riprendersi erano state sin da subito minime.

HA SALVATO I FIGLI

Ha offerto la sua vita, ripetiamo, questa donna coraggiosa che viveva per il bene e l’amore dei suoi figli: 5 e 11 anni, chi li conosce spiega che sono educatissimi e molto legati a quella donna che il 25 settembre scorso ha salvato loro la vita. Stavano attraversando sulle strisce nel pieno centro di Pieve di Soligo quando una donna 87enne in auto è sopraggiunta e non è riuscito a frenare in tempo. L’anziana alla guida ha dichiarato dopo l’incidente di non aver visto i tre pedoni sulle strisce perchè abbagliata dalla luce del sole. Un salto, un lampo improvviso, e quei ragazzini in un attimo hanno visto la loro vita salvarsi – seppur con fratture e contusioni giudicate non preoccupanti dai sanitari – e quella della loro amata mamma Antonela spegnersi lentamente nel giro di due settimane. È rimasta col corpo schiacciato dall’auto, in maniera orribile alla vista e anche solo al pensiero: un trauma che quei ragazzi porteranno dietro con loro tutta la vita e che nessuno o niente potrà far “dimenticare”. Del resto una madre non si dimentica, specie chi ha salvato l’esistenza loro offrendo la sua vita in un attimo divenuto fatale: ha fatto da scudo per loro e ha voluto donare la propria vita in un secondo. Ora quei ragazzi chiamati a diventare adulti in poco tempo, hanno il difficile ma importante compito di portare nel loro cuore e nella loro vita quel messaggio di amore così importante e così estremo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori