Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora: voucher e appalti, il referendum si tiene il 28 maggio (14 marzo 2017)

- La Redazione

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: (14 marzo 2017). Cresce il fenomeno dei furti in Italia. Nel Lodigiano nuovi sviluppi sull’omicidio del rapinatore romeno. Crisi tra Olanda e Turchia.

polizia_artificieriR439
Ultime notizie di oggi, Foto La Presse

Il governo ha fissato la data del prossimo referendum, il cui tema riguarda “abrogazione di disposizioni limitative della responsabilità solidale in materia di appalti” e alla “abrogazione di disposizioni sul lavoro accessorio (voucher)”. Il voto si terrà il prossimo 28 maggio. Parlando in una intervista al quotidiano Repubblica, Susanna Camusso segretario della Cgil ha detto il suo parere per evitare il referendum: concedere l’utilizzo dei voucher soltanto alle famiglie  e “per retribuire la prestazione occasionale di disoccupati di lunga durata, pensionati e studenti” e che l’esclusiva della vendita dei voucher sia in mano soltanto all’Inps. Come si sa il voto abrogativo sull’articolo 18 che faceva parte delle richieste referendarie è stato bocciato dalla Cassazione.

Minorenni di buona famiglia, tra i 15 e i 16 anni, ma anche tredicenne. Arancia meccanica a Pavia, baby gang fortunatamente sgominata dalla polizia, adesso si trovano tutti al carcere giovanile Beccaria, tranne il 13enne. I giovani delinquenti avevano preso di mira un loro compagno, usando nei suoi confronti violenze fisiche, umiliazioni varie e costringendolo anche ad atti sessuali, il tutto filmato e diffuso sui social. Le accuse: concorso in violenza sessuale alla riduzione in schiavitù, dalla pornografia minorile (per la diffusione delle immagini delle loro ‘imprese’ sui social network) alla violenza privata aggravata mediante lo stato di incapacità procurato alla vittima. Tra gli episodi che questo compagno di scuola ha subito da parte loro anche essere obbligato a ubriacarsi, una catena al collo e costretto a girare per strada come un cane, denudato e tenuto a gambe a testa in giù sopra un ponte, sodomizzato con una pigna. Si spera adesso in una condanna esemplare per questi delinquenti giovanili, anni di carcere minorile e anche di carcere per adulti una volta diventati maggiorenni.

Dopo i fatti dello scorso giovedì notte, in cui un ristoratore ha ucciso un rapinatore introdottosi nel suo ristorante, cresce l’attenzione verso un fenomeno in forte crescita. In un clima privo di sicurezza per tutti, dai pubblici esercenti agli anziani, i più colpiti dalle rapine, scendono in campo i comuni che pagano le spese sostenute per i danni subiti dopo l’effrazione nelle loro abitazioni. Una tendenza che in assenza di leggi chiare, è destinato a crescere, mentre in Parlamento fatica ad affermarsi una revisione della legge sulla legittima difesa.

Sono due i fatti del giorno che aggiungono nuovi elementi al dramma dello scorso giovedì notte in cui ha perso la vita un romeno colpito a morte da un ristoratore vittima di rapina. A parlare il fratello della vittima, che chiede giustizia e respinge il desiderio di vendetta. A surriscaldare il clima però i primi dubbi avanzati sulla versione fornita dal ristoratore. Testimoni infatti parlano di più colpi di fucile, mentre il titolare e la sua famiglia parlano di un solo colpo partito accidentalmente nel corso della colluttazione. Le indagini intanto proseguono e promettono ulteriori sviulppi nei prossimi giorni.

Nonostante l’attesa per un provvedimento protagonista del dibattito piubblico da anni, in particolare dopo la morte di Eluana Englaro e che ha ripreso vigore dopo la morte di Dj Fabo, l’aula appariva deserta, obbligando il Presidente dell’aula a disporre il rinvio. La legge prevede il diritto per tutti i maggiorenni di poter dipsorre anticipatamente i trattamenti medici a cui sottoporsi e quelli a cui sottrarsi. Al centro del confronto fra le forze politiche il discusso diritto alla nutrizione e all’idratazione. Se alla Camera i numeri non sono un problema, al Senato il percorso per una maggioranza insolita formata da Pd, sinistra italiana e M5s fa invece fatica a farsi strada su numeri più ballerini.

Oltre un milione e mezzo di famiglie in italia è in stato di povretà assoluta. Mezzo milione in più rispetto a dieci anni fa: si é apssati infatti da 2 milioni e trecentomila a 4 milioni e 600 mila. Ma tra le nuove povertà si registrano le famiglie monoreddito che non riescono a garantire nemmeno il minimo ovvero un’abitazione stabile. Pronte misure a sostegno del reddito: dal reddito di inclusione all’aumento della platea di sconti fiscali per per le famiglie.

Entra a gamba tesa nella campagna elettorale olandese, lo scontro internazionale fra Olanda e Turchia. Se da un lato il premier olandese rifiuta di chiedere scusa, dall’altro lato la Turchia minaccia ritorsioni sul tema dei profughi. Uno scontro elettorale che rischia però di assumere pesanti ripercussioni in campo internazionale e sugli equilibri per l’accoglienza dei migranti. In un clima sempre più attraversato da rabbia e odio a guadagnare, almeno nei sondaggi, sembra essere l’estrema destra candidata a travolgere i partiti tradizionali.

Cresce negli Usa, e non solo, la popolarità della first lady, grazie ad un paio di uscite pubbliche ben assestate e a una revisione accorta del suo look. Ha sfondato un piccolo muro non solo in casa ma anche all’estero, dove è stata ammessa ad Ascott, tradizionale incontro mondano reso unico dalla partecipazione della Regina Elisabetta. Fenomeno inatteso, Melania, che da cittadina nata e cresciuta in Slovenia ha portato con sè l’orgoglio di aver riscattato il suo passato e la vita trascorsa sotto il comunismo e cerca di risollevare l’immagine della presidenza statunitense più impopolare della storia.

Se lo scudetto è praticamente archiviato, è bagarre per il titolo di capocannoniere. Belotti è solo a quota 22, Icardi e Dzeko lo incalzano a 20, poi Mertens e Higuain a 19 fino a Immobile che ha segnato 17 volte con quella di ieri sera in Lazio-Torino. Sono tutti in corsa. Numeri lusinghieri perché raccontano che la serie A ha una vocazione sempre più offensiva, ma anche più ricca di errori difensivi. Mediocre invece la battaglia per la salvezza. Pescara, Palermo e Crotone viaggiano a meno di mezzo punto a partita.

Oggi si gioca il ritorno degli ottavi di finale di Champions League. La Juventus parte dal 2-0 dell’andata, ma mister Allegri ha chiesto ai suoi massima concentrazione per non cadere nella trappola di credere che la strada sia in discesa e il passaggio già archiviato. Cuadardo e Mandzukic saranno titolari insieme a Higuain e Dybala. Chiellini si è allenato regolarmente e dovrebbe partire dalla panchina. Tra i portoghesi convocati Herrera e Corona. Le due squadre si sono incontrate 5 volte, finora 3 vittorie della Juve e un pari. Il 93% delle scommesse è sull’1. L’altra partita è Leicester-Siviglia con gli spagnoli che hanno vinto all’andata 2-1.

La sesta tappa, da Ascoli Piceno a Civitanova Marche, ha avuto un epilogo ad alto tasso di adrenalina. La sfida tra lo slovacco Peter Sauber e Fernando Gaviria è culminata nello sprint da fenomeno del colombiano. Il connazionale Quintana conserva la testa della classifica. Oggi l’ultima tappa: 10km a cronometro a San Benedetto del Tronto. Al meeting di Milano si è interrotta l’imbattibilità di Gregorio Paltrinieri, padrone assoluto dei 1500 stile libero per oltre tre anni. E’ stato il compagno di allenamenti Gabriele Detti a spodestarlo. Ma Paltrinieri pensa già agli assoluti di Riccione e ai Mondiali di Budapest in estate, poi Tokyo 2020 per tentare un’inedita doppietta: vasca e nuoto di fondo. Al torneo di Indian Wells, l’italiano Fabio Fogniniè a un passo dagli ottavi. Dopo aver eliminato il favorito Tsonga, stasera torna in campo contro Cuevas.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori