Infiltrazioni d’acqua e lesioni, chiuso ponte Cavanella/ Ultime notizie: il traffico è stato deviato

- Silvana Palazzo

Infiltrazioni d’acqua, chiuso ponte a Cavanella, nel comune di Beverino (La Spezia). Dalla perizia tecnica emergono “lesioni sul calcestruzzo”. Le ultime notizie

ponte_cavanella_vara_facebook
Chiuso ponte a Cavanella (Foto: da Facebook)

“Importanti infiltrazioni e percolazioni di acqua piovana che stanno progressivamente determinando lesioni sul calcestruzzo” si legge nella perizia degli igegneri, che ha determinato la chiusura d’urgenza a Cavanella, nel comune di Beverino in provincia di La Spezia, di un ponte sulla provinciale 17. Si tratta di un ponte lungo oltre 160 metri, che attraversa con cinque campate il fiume Vara. Una decisione presa in poche ore, d’altronde il ponte era già sotto osservazione da tempo e dopo i risultati negativi della perizia è stato chiuso. Una decisione presa per garantire l’incolumità pubblica, con conseguente deviazione del traffico su un tragitto alternativo che risale la strada provinciale 17 verso Valgraveglia. (Aggiornamento di Jacopo D’Antuono)

NON CI SONO GARANZIE SU TENUTA

Chiusura d’urgenza per il ponte che collega il borgo di Beverino a Cavanella, sul fiume Vara. Il provvedimento è entrato in vigore alle 14.30 di oggi, venerdì 12 ottobre. La misura si è resa necessaria in quanto, in seguito ai monitoraggi avviati dalla Provincia della Spezia da alcune settimane su ponti e viadotti, sono emerse nel caso del ponte di Beverino importanti infiltrazioni e percolazioni di acqua piovana che hanno prodotto lesioni al calcestruzzo che regge l’armatura. Questo vuol dire che non ci sono garanzie sulla tenuta della struttura. Un aspetto tutt’altro che irrilevante, visto che il ponte è lungo circa 160 metri su cinque campate. Quindi è stata disposta la chiusura immediata alla circolazione, con inevitabili disagi perché la provinciale 18 è chiusa per uno smottamento. (agg. di Silvana Palazzo)

INFILTRAZIONI D’ACQUA, CHIUSO PONTE A CAVANELLA

Un ponte è stato chiuso d’urgenza: è quello di Cavanella, nel comune di Beverino, in provincia di La Spezia. È stato chiuso d’urgenza a causa di «importanti infiltrazioni e percolazioni di acqua piovana che stanno progressivamente determinando lesioni sul calcestruzzo». Questo è quanto hanno scritto gli ingegneri nella perizia tecnica che era stata disposta sul ponte. La decisione invece è stata presa dalla Provincia della Spezia. Il ponte in questione è lungo 160 metri e attraversa il fiume Vara con cinque campate. Era sotto controllo da diverso tempo, ora arrivano i risultati della perizia tecnica che hanno dato esito negativo. Il tratto della strada provinciale 18 quindi è stato chiuso, mentre Comune e Provincia stanno cercando di riaprire ora come via alternativa una strada provinciale che da tempo risulta interrotta per una frana. Come riportato da Il Secolo XIX, si sta valutando anche a possibilità di transito sull’Aurelia nel comune di Riccò del Golfo.

“LESIONI SUL CALCESTRUZZO”

Una misura «in via cautelare», così l’ha commentata il presidente della Provincia della Spezia che ha disposto l’immediata chiusura al traffico del ponte sul Vara tra Beverino e Cavanella Vara. Come riportato dal sito Città della Spezia, c’è stato un rapido scambio di telefonate tra il presidente Giorgio Cozzani e il sindaco di Beverino Massimo Rossi per arrivare allo stop alla circolazione disposto oggi. Quando sarà revocata la misura non è ancora dato saperlo, ma sicuramente sarà necessario qualche intervento di manutenzione straordinaria. Infatti lo stesso Cozzani e il sindaco di Beverino, insieme ai tecnici della Provincia, hanno convenuto sulla necessità di avviare il prima possibile un cantiere di lavori per il ripristino della percorribilità sull’alternativa strada provinciale 18 che collega San Cipriano, Castello e Padivarna, attualmente interrotta. L’ente annuncia: «La chiusura del ponte, indifferibile per preservare sicurezza e incolumità pubblica, comporta la deviazione della circolazione secondo un tragitto che risalga la SP 17 verso Valgraveglia sino a riprendere l’Aurelia in prossimità di San Benedetto e di lì procedere nelle direzioni desiderate».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori