Inchiesta rifiuti Napoli/ Video Fanpage, scontro su Vincenzo De Luca tra Sgarbi e Giarrusso a Matrix

Inchiesta rifiuti Napoli, l’inchiesta di Fanpage  scuote il mondo politico: ieri sera a Matrix duro confronto tra Dino Giarrusso (M5S) e Vittorio Sgarbi (Centrodestra)

regione_campania_vincenzo_deluca_lapresse_2018
Inchieste rifiuti Napoli, De Luca (LaPresse)

Inchiesta rifiuti Napoli, l’inchiesta di Fanpage scuote il mondo politico. Coinvolto il sistema del Governatore Vincenzo De Luca e, di conseguenza, dei suoi collaboratori e parenti: negli ultimi giorni sono giunti le dimissioni del figlio Roberto dall’assessorato di Napoli, perché indagato dalla Procura di Napoli per corruzione, e sono circolate insinuazioni anche sul fratello Piero, candidato alle elezioni politiche con il Partito Democratico. Coinvolti nell’inchiesta numerose personalità del centrosinistra e del centrodestra, con il portale Fanpage che ha filmato un finto imprenditore (giornalista sotto copertura) prendere accordi sugli appalti per le ecoballe. Nelle immagini acquisite si vede inoltre l’ex boss della Camorra Nunzio Perrella protagonista nell’affare. Ieri sera, nel corso della puntata di Matrix, l’inchiesta ha assunto tono politico con un duro dibattito tra Dino Giarrusso, candidato del Movimento Cinque Stelle ed ex inviato de Le Iene, e Vittorio Sgarbi, fondatore di Rinascimento e candidato con il Centrodestra oltre che grande sostenitore di De Luca.

INCHIESTE RIFIUTI NAPOLI: SGARBI VS GIARRUSSO

Come accaduto negli scorsi giorni, il M5S è partito all’attacco nei confronti del Governatore De Luca e del sistema politico corrotto, sempre secondo i grillini: “C’è un dato politico: ci sono politici campani che chiedono soldi a un imprenditore, soldi pubblici che vengono rubati da queste persone. Quelle persone lì sono abituate a fare così. L’inchiesta di Fanpage è straordinaria, svela un sistema: il sistema politico. La Campania è la terra dei fuochi, anziché smaltire bene i rifiuti sono stati dati soldi sottobanco a personaggi del genere. Il reato lo decide una terza sentenza definitiva, ma il dato politico: l’assessore al Comune di Salerno come si permette di parlare a nome della Campania? Il suo commercialista dice ‘dagli il 15%’, l’altro dice il 23%’. Lo smaltimento di una tonnellata arrivano a farlo costare oltre 200 euro, più del doppio per intascarsi i nostri soldi. La politica ruba soldi ai cittadini, non lo possiamo più accettare”. Forte la presa di posizione di Vittorio Sgarbi a difesa di De Luca: “L’assessore del Comune di Salerno non entra in questa vicenda, che riguarda la Regione: è uno sprovveduto. Io difendo De Luca perché lo ritengo un uomo capace: il vero politico onesto è il politico capace. Parliamo di reati veri, non di queste cose“.

CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO DI FANPAGE

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori