GLI ITALIANI NON ESISTONO, I SARDI SI/ L’antropologo: “Miscuglio di geni. Popolo sardo come baschi e lapponi”

- Carmine Massimo Balsamo

Gli italiani non esistono, i sardi sì: questo il risultato dello studio della National Geographic Society, Sardegna eccezione con geni altamente riconoscibili

doddore_meloni_sardegna_indipendentista_sciopero_fame_twitter_2017
Immagine di repertorio (Twitter)

Italiani doc? No, solo i sardi possono vantare un’unicità eccezionale in Italia. Come vi abbiamo riportato, gli italiani sono il risultato di un miscuglio di geni nel corso dei secoli, mentre il popolo sardo ha conservato le sue tracce più antiche. Davide Pettener, antropologo del Dipartimento di Scienze biologiche, antropologiche e ambientali dell’Università di Bologna, ai microfoni de L’Unione Sarda ha sottolineato che si sono sottoposti allo studio “sardi doc: a Bologna abbiamo la migliore e anche più grossa banca del dna degli italiani. Ogni individuo doveva avere 4 nonni della provincia di appartenenza, non doveva essere imparentato con altri individui campionati e in più – altro criterio restrittivo – dato che studiamo soprattutto il cromosoma Y che si trasmette per linea maschile, abbiamo usato anche il criterio dei cognomi, ossia quelli tipici delle diverse zone. I sardi che abbiamo campionato hanno per esempio in gran parte cognomi che finiscono con la lettera ‘u'”. (Agg. Massimo Balsamo)

ECCEZIONE SARDA

Gli italiani non esistono, i sardi sì: questo il sunto di uno studio finanziato dalla National Geographic Society e portato a termine da Davide Pettener (antropologo del Dipartimento di Scienze biologiche, antropologiche e ambientali dell’Università di Bologna) e da Donata Luiselli (Dipartimento di Beni Culturali di Ravenna). Con una banca dati con tre mila campioni di dna italiani provenienti da tutte e venti le ragioni nostrane, lo studio ha tracciato la nostra storia genetica ed ha evidenziato una cosa importante: gli italiani sono il risultato di un mix genetico, discorso diverso per quanto riguarda i sardi. Perché? Come sottolineato da Casteddu Online, la storia genetica degli italiani è stata influenzata in particolare dalle migrazioni, mentre il popolo della Sardegna ha conservato le tracce più antiche anche e soprattutto per non aver subito invasioni, al pari di Baschi e Lapponi.

GLI ITALIANI NON ESISTONO, I SARDI SI

Davide Pattener ha rilasciato una lunga intervista in cui ha parlato delle caratteristiche dei sardi e dei risultati dell’approfondito studio da lui condotto insieme a Donata Luiselli e ad altri ricercatori: “Noi siamo antropologi e studiamo la genetica delle popolazioni cercando di ricostuirne la storia. Da sempre si sa che i sardi hanno caratteristiche diverse dai popoli dell’Italia continentale, ma anche dal resto d’Europa, e questo è risaputo da almeno 30 anni. Si pensi che già quando Luigi Luca Cavalli-Sforza ha realizzato le sue mappe genetiche aveva dovuto escludere la Sardegna per le troppe peculiarità”. L’antropologo ha poi sottolineato: “Sardi con qualcosa in più o in meno? Di differente, piuttosto. Per esempio studiando Sicilia e Sardegna sappiamo che la prima è sempre stata un hub, un crogiuolo in cui le popolazioni sono sbarcate e si sono mescolate, quindi è qualcosa di molto omogeneo e molto mediterraneo. La seconda, dopo il Paleolitico e il Neolitico è rimasta geneticamente isolata e l’isolamento ha prodotto diversità”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori