Angela Grignano operata di nuovo alla gamba: “è andata bene”/ Esplosione Parigi, fratello: “Medici ottimisti”

Angela Grignano operata di nuovo alla gamba: “è andata bene”. Ultime notizie esplosione Parigi, il fratello a Storie Italiane: “Medici ottimisti”.

14.01.2019 - Carmine Massimo Balsamo
Angela Grignano (Storie Italiane)

4 morti e 150 feriti: questo il bilancio dell’esplosione avvenuta a Parigi, sabato 12 gennaio 2019, in Rue de Trevise. Coinvolta anche un’italiana: parliamo di Angela Grignano, già sottoposta a tre interventi chirurgi per tentare di salvarle la gamba. Intervenuto a Storie Italiane, il fratello don Giuseppe ha parlato delle condizioni della giovane: «Le belle notizie sono quelle che circolano da ieri: l’operazione è andata bene e i medici sono molto ottimisti. Hanno recuperato più di quello che pensavano. Non si conoscono ancora le funzionalità della gamba, ma sono contenti di come sono riusciti a ricucire e a risistemare tutto». Il sacerdote ha saputo dell’esplosione tramite social: «E’ stata una cosa molto strana, l’ho saputa su Facebook, tramite un messaggio privato: da lì è iniziato tutto». Un pensiero anche per le altre vittime: «Ringraziando il buon Dio, per Angela il percorso sta andando molto bene. Il nostro pensiero va anche alle vittime e a tutti i feriti, tutti coloro che stanno lottando».

ANGELA GRIGNANO, I GENITORI SONO A PARIGI

Come sottolinea Repubblica, il fratello e i genitori di Angela Grignano da sabato sono nella capitale transalpina per starle vicino. Padre Giuseppe aveva sottolineato qualche ora fa: «I medici ci hanno rassicurato che l’operazione è andata più che bene, sono molto contenti e ottimisti. Siamo commossi da come il Signore ha ascoltato le preghiere di tutte le persone che hanno pregato per Angela, e come questo affetto ci sta sostenendo e ha condotto le mani dei medici». I medici hanno ricostruito tessuti e arterie, evidenziando grande soddisfazione per il lavoro svolto: prima della terza operazione alla gamba, la trapanese è stata risvegliata dal coma farmacologico in cui era tenuta ed ha riconosciuto i familiari. Uno dei parenti ha confermato che «capiva ciò che dicevamo».



© RIPRODUZIONE RISERVATA