Nutella, produzione sospesa -600mila barattoli/ Ferrero “difetto di qualità”

- Silvana Palazzo

Nutella, produzione sospesa in Francia: -600mila barattoli al giorno. Ferrero parla di “difetto di qualità”, analisi in corso. Nel fine settimana i risultati

nutella 2018 twitter
Nutella, foto da Twitter

Anomalie nella Nutella prodotta in uno stabilimento francese. La Ferrero ha quindi fermato per precauzione il sito di fabbricazione della famosa crema spalmabile a Villers-Ecalles, in Normandia. I controlli interni hanno riscontrato «anomalie» nel livello di «qualità». Una sospensione temporanea, ci tiene a precisare l’azienda che produce Nutella. Con la chiusura del sito, nel nord della Francia, possono essere avviate le necessarie indagini e le analisi, i cui risultati saranno noti entro il weekend. Stando a quanto riferito da Nutella France ai media locali, l’anomalia è stata riscontrata dai controlli interni in uno dei prodotti che entrano nella composizione delle confezioni di Nutella e Kinder Bueno. «Possiamo garantire che questa situazione non riguarda nessun prodotto attualmente sul mercato e che la fornitura ai nostri clienti prosegue ininterrottamente», ha fatto sapere l’azienda.

NUTELLA, PRODUZIONE SOSPESA -600MILA BARATTOLI

La notizia della chiusura temporanea della più importante fabbrica della Nutella ha fatto il giro del mondo. L’impianto di Villers-Ecalles, infatti, produce ben 600mila barattoli di Nutella al giorno, un quarto della produzione mondiale. Il gruppo ha assicurato come questa situazione «non interessi alcun prodotto sul mercato» e che «le forniture continueranno come al solito». Le indagini comunque sono in corso: i problemi non sono legati a prodotti finiti ma ad alcune componenti che rientrano nella produzione di Nutella e Kinder Bueno. Un difetto di qualità. Sono attesi i risultati degli esami condotti nello stabilimento in Normandia che permetteranno alla Ferrero «di adottare misure correttive». I clienti della Ferrero possono tirare un sospiro di sollievo: almeno per qualche tempo, non dovranno fare a meno del loro amato prodotto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA