Doping maxi traffico internazionale/ Arresti in tutta Italia: sequestro anabolizzanti

- Niccolò Magnani

Doping internazionale, maxi operazione dei Carabinieri con arresti in tutta Italia: sostanze stupefacenti e anabolizzanti nel traffico partito dalla Sicilia

albenga
Immagine di repertorio (LaPresse, 2019)

Una maxi operazione dei Carabinieri in tutta Italia ha posto fine ad uno dei traffici internazionali più ingenti finalizzati al doping mai avvenuto nel nostro Paese: è ancora in corso l’ingente operazione dei militari in tutta Italia per eseguire le ordinanza di custodia cautelare emesse dal Gip di Enna, Luisa Maria Bruno. Si tratta in tutto di 12 arresti prevenivi legati al traffico internazionale di sostanze anabolizzanti, dopanti e stupefacenti rinvenuto dai Carabinieri al termine di una lunga indagine iniziata tutta in Sicilia, per l’appunto nella città di Enna. Come riportano gli stessi CC, al momento il Nucleo Operativo del Comando per la Tutela della Salute è ancora impegnato nella ricerca e arresto delle persone che si pensano coinvolti nel maxi traffico sul Doping su ampia scala.

IL MAXI TRAFFICO DI ANABOLIZZANTI

Tutti i dettagli  della maxi operazione, nella quale tra l’altro sono impegnati più di 200 militari dell’Arma, verranno illustrati stamane in una conferenza stampa nel Palazzo di Giustizia di Enna: alle ore 11 nell’Auditorio “Falcone e Borsellino” del Palazzo di Giustizia di Enna la compagnia di Carabinieri assieme al Gip illustrerà il raggio di azione del traffico di Doping, le persone coinvolte e il giro di affari che ruotava attorno ad anabolizzanti e molto altro. In sostanza, il traffico prevedeva sostanze altamente pericolose e dopanti rivendute nel mondo sportivo: non è ancora chiaro chi e quasi società sarebbero coinvolte ma si può profilare una certa evoluzione nei prossimi giorni con possibili “nomi importanti” che potrebbero emergere nei dettagli dell’operazione. Sono state effettuate cinquanta perquisizioni in tutta Italia ma non è detto che l’operazione di Carabinieri sia da considerarsi conclusa questa mattina.



© RIPRODUZIONE RISERVATA