Terremoto oggi a Cuneo M 2.7/ Ultime scosse Ingv: trema il borgo di Acceglio

Terremoto in provincia di Cuneo, precisamente ad Acceglio, di magnitudo 2.7: paura ma nessun danno

Terremoto Cuneo, ad Acceglio
Terremoto Cuneo (web)

Negli scorsi minuti si è verificata una scossa di terremoto nel nord Italia, in Piemonte. Il sisma si è registrato precisamente in quel di Acceglio, un piccolissimo borgo di soli 160 abitanti che si trova in provincia di Cuneo. Come registrato dall’istituto nazionale di geofisica e vulcanologica, l’Ingv (sala Roma), il terremoto è avvenuto alle ore 13 e 17 minuti di oggi, sabato 3 marzo, ed ha avuto una magnitudo di 2.7 gradi sulla scala Richter. Praticamente un’ora dopo, alle 14:17, una seconda scossa sempre della stessa entità. Le coordinate geografiche precise sono state 44.53 gradi di latitudine, e 6.89 di longitudine, e il sisma ha avuto un ipocentro (una profondità), di 10 chilometri sotto il livello del mare, quindi tendenzialmente superficiale. Si è tratta di un terremoto di lieve/moderata entità, che non ha fatto registrare danni a persone o cose. Come al solito la paura fra la popolazione che l’ha avvertito, è stata però molto elevata.

TERREMOTO OGGI A CUNEO M 2.7

Acceglio si trova in una zona pressoché “disabitata” del Piemonte, visto che è circondata da una serie di borghi come Bellino, Prazzo, Pontechianale, Elva, Casteldelfino, Canosio, Argentera e Marmora, il cui numero di abitanti varia dai 68 ai 179 cittadini. Cuneo dista invece una cinquantina di chilometri dall’epicentro, così come Moncalieri, altra nota città piemontese. Quest’oggi la terra ha tremato anche in un’altra zona dell’Italia, diametralmente opposta a quella di Acceglio: stiamo parlando precisamente delle Isole Eolie, splendido paradiso siciliano nella provincia di Messina, dove stamane, poco dopo le ore 9:35, si è verificato un terremoto di magnitudo 2.4, con una profondità di 8 chilometri e coordinate geografice 38.60 gradi di latitudine e 14.60 di longitudine. Anche in questo caso non si sono registrati danni alle strutture degli edifici, ne tanto meno si sono verificati dei feriti, ma la paura è stata alta.



© RIPRODUZIONE RISERVATA