Umberto Ranieri, chi ha ucciso l’artista romano?/ L’appello del padre “Aiutateci”

- Davide Giancristofaro Alberti

Chi ha ucciso Umberto Ranieri, l’artista romano morto lo scorso 17 marzo? L’appello del padre e della cugina

Umberto Ranieri, Chi l'ha Visto?
Umberto Ranieri (Rai)
Pubblicità

Continua ad essere un mistero la morte di Umberto Ranieri, l’artista romano ucciso domenica 17 marzo dopo aver ricevuto un pugno ed essere caduto malamente a terra. Ricoverato, era deceduto poche ore dopo a seguito delle gravi ferite riportate. Peccato però che in questo mese circa che è passato dall’assassinio, non sia ancora stato trovato il colpevole: si solo che a sferrare il pugno sarebbe stato un ragazzo, ma per il resto si brancola nel buio. Il padre della vittima, Filomeno, e la cugina Paola, sono stati ospiti presso la trasmissione “Chi l’ha Visto?”, rivolgendo un appello a chiunque abbia visto qualcosa: «Mio figlio è stato massacrato senza motivo – le parole del genitore – chiedo a chiunque abbia visto qualcosa di parlare, mi sembra strano che in una piazza così grande e così popolata (la morte in Largo Preneste ndr) nessuno abbia visto nulla. Forse la gente ha paura di parlare, ma qualsiasi indizio è importante, basta una telefonata». Secondo Filomeno Ranieri, c’è il rischio che quanto accaduto al figlio possa capitare ad altri: «Magari qualcuno potrebbe rifarlo, voglio scoprire la verità: ci hanno distrutto la vita, non so come faremo ad andare avanti».

Pubblicità

UMBERTO RANIERI, CHI HA UCCISO L’ARTISTA ROMANO?

Simile l’appello di Paola, la cugina dell’artista: «Ci aspettiamo che qualcuno parli, in particolare la persona che ha chiamato il 118: ci servono delle indicazioni più precise per risalire al responsabile o ai responsabili». La parente ipotizza anche il motivo per cui Umberto è stato ammazzato: «Lui raccoglieva spesso le bottiglie lasciate in giro e le metteva nella pattumiera, teneva all’ordine e alla pulizia dell’ambiente, e forse deve aver dato fastidio a qualcuno questa cosa. Aspettiamo una testimonianza – aggiunge – era una piazza molto frequentata, un capolinea di un tram». Umberto era un artista multimediale, avrebbe dovuto partecipare ad una mostra in questi giorni a Roma, e per l’occasione i suoi amici hanno organizzato delle proiezioni dei suoi lavori per rendergli onore. La speranza è che qualcuno possa rispondere il prima possibile agli appelli di “Chi l’ha Visto?”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità