Jessica Cipolla, il killer Hamdi Abdessatar in fuga da mesi/ L’appello dei famigliari

- Davide Giancristofaro Alberti

Jessica Cipolla è stata uccisa da Hamdi Abdessatar due mesi fa: il killer è scappato

Hamdi Abdessatar, Chi l'ha Visto?
Hamdi Abdessatar (Rai)
Pubblicità

E’ in fuga da due mesi Hamdi Abdessatar, l’uomo accusato di aver ucciso Jessica Cipolla, una ragazza la cui famiglia ha origini siciliane, ma che da anni si è trasferita in Belgio, nei pressi di Liegi, precisamente a Hollogne-aux-Pierres. Quell’uomo di origini tunisine ha ammazzato la proprio compagna lo scorso 17 febbraio, e da quel giorno ha fatto perdere ogni traccia di se. Oggi la trasmissione di Rai Tre, “Chi l’ha Visto?”, è tornata ad occuparsi della vicenda, raccogliendo l’appello dei genitori della vittima, nonché della nonna. Non è infatti da escludere che Hamdi Abdessatar sia fuggito in Italia, così come accaduto spesso e volentieri in passato per molti altri criminali. Del resto la nostra nazione è una terra di passaggio soprattutto per chi volesse scappare nell’est Europa e sparire definitivamente, e di conseguenza i sospetti della trasmissione Rai potrebbero essere fondati.

Pubblicità

JESSICA CIPOLLA, IL KILLER HAMDI ABDESSATAR IN FUGA DA MESI

«Se lo vedete ditelo alla polizia perché è un soggetto molto pericoloso», dice Vincenzo, il papà di Jessica, ed è simile l’appello in lacrime della mamma «Se lo vedete pensate a noi che abbiamo perso nostra figlia». Hamdi ha ucciso Jessica nell’appartamento dove vivevano, finendola con una coltellata. I due stavano litigando quando la ragazza ha preso in mano il telefono per avvisare la madre: «Mi ha chiamato – racconta la donna – ho capito che stavano litigando, poi ho sentito gridare “Aiuto” e ho detto a mia marito di andare da lei». Peccato però che quando Vincenzo giunse presso l’appartamento della figlia, trovò Hamdi che gli disse: “Ora prova a salvarla”. Il tunisino si dileguò, e il padre, quando entrò in casa, trovò la figlia senza vita: «Quando ho aperto – ricorda quei tragici momenti – ho visto mia figlia a terra con un coltello a lato, pensavo che fosse svenuta e invece…». Secondo un rappresentante della commissione musulmana in Belgio, Abdessatar non sarebbe tornato in patria, non potendo rientrare per una precedente violenza: «Siamo nelle vostre mani – l’appello finale della nonna di Jessica – per fare quello che qualcuno non ha ancora fatto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità