TERREMOTO/ Oggi in Italia le scosse, magnitudo e comuni coinvolti. Mercoledì 26 febbraio 2014 (alle ore 17.50)

- La Redazione

I terremoti di oggi mercoledì 26 febbraio 2014, le segnalazioni di tutti gli eventi sismici nella penisola italiana e anche nelle isole. Ecco i dati e i dettagli dell’Ingv

sismografo_r439
Sismografo (Foto:Infophoto2)

Un terremoto di magnitudo pari a 2.1 gradi sulla Scala Richter è stato registrato poco fa dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) in provincia di Reggio Calabria. Il sisma è avvenuto verso le 16.50 nell’area de Le Serre, con epicentro localizzato esattamente alle coordinate 38.515°N, 16.1043°E e a una profondità di 47,1 chilometri. I comuni che ne hanno avvertito soprattutto gli effetti (perché presenti in un raggio massimo di dieci chilometri) sono quelli di Anoia (Rc), Candidoni (Rc), Cinquefrondi (Rc), Feroleto Della Chiesa (Rc), Galatro (Rc), Giffone (Rc), Laureana Di Borrello (Rc), Maropati (Rc), Melicucco (Rc), San Pietro Di Caridà (Rc), Serrata (Rc), Acquaro (Vv) e Dinami (Vv). Gli altri comuni interessati, ma distanti tra i dieci e i venti chilometri, sono quelli di Cittanova (Rc), Polistena (Rc), Rizziconi (Rc), Rosarno (Rc), San Giorgio Morgeto (Rc), Taurianova (Rc), San Ferdinando (Rc), Arena (Vv), Cessaniti (Vv), Dasa’ (Vv), Fabrizia (Vv), Filandari (Vv), Francica (Vv), Gerocarne (Vv), Jonadi (Vv), Limbadi (Vv), Mileto (Vv), Nicotera (Vv), Pizzoni (Vv), Rombiolo (Vv), San Calogero (Vv), San Costantino Calabro (Vv), San Gregorio D’ippona (Vv), Sant’Onofrio (Vv), Sorianello (Vv), Soriano Calabro (Vv), Stefanaconi (Vv), Vazzano (Vv), Vibo Valentia (Vv) e Zungri (Vv).

L’Istituto Nazionale di Geofisica e di Vulcanologia continua a rilevare leggere scosse (al di sotto della soglie di percettibilità) in Umbria, e in particolare nella provincia di Perugia dove alle11.58 una scossa di magnitudo 1.2 ha interessato l’area geografica coincidente con i paesi di San Giustino, Borgo Pace e Mercatello sul Metauro. L’epicentro del moto è stato individuato alla profondità di 10.9 chilometri e alle seguenti coordinate geografiche: 43.5 di Latitudine e 12.2 di Longitudine. In precedenza, alle 11.31, è stata la volta della Toscana, ma anche in questo caso di tratta di un terremoto di lievissima intensità: 1.4 mg. L’area coinvolta (42.9 Lat. e 13.0 Long) è la provincia di Massa Carrara: Piè del Sasso, Pive Torina e Valle e Castello. 

Situazione tranquilla al momento nel nostro paese per quanto riguarda i terremoto. Si registra infatti una sola scossa degna di essere menzionata, quella che alle ore 4 e 52 di stamane è stata riscontrata in Umbria, in provincia di Perugia anche se stavolta non nel consueto Bacino di Gubbio dove da mesi si assiste a uno sciame sismico, ma nel distretto sismico della Valle del Topino, comunque a poca distanza. La scossa ha toccato i 2.1 gradi della scala Richter e l’epicentro è stato individuato alle coordinate 42.6462°N, 12.7288°E e una profondità di 6,2 chilometri, I comuni più vicini all’epicentro sono quelli di SPOLETO (PG), ARRONE (TR), FERENTILLO (TR), MONTEFRANCO (TR).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori