Divino Otelma:”Governo Pd-M5s? Armata Brancaleone”/ “Ecco come finirà: trionfo di…”

- Dario D'Angelo

Il Divino Otelma contro il governo Pd-M5s: sciagure in vista per i partiti “dell’intrallazzo”. Il vaticinio del Mago: c’è un solo possibile vincitore…

Il Divino Otelma
Il Divino Otelma

Volete sapere come si risolverà la crisi di governo? Il Divino Otelma guarda già oltre e nel definire una “armata Brancaleone” l’eventuale esecutivo Pd-M5s vaticina già il futuro trionfatore della politica italiana. Ma partiamo con ordine, in un lungo post pubblicato su Instagram, il Mago Otelma si esprime “Circa gli sviluppi della crisi di governo, ovvero ‘Simul stabunt,simul cadent'”. Secondo il Divino, “svolgere le trattative in gran segreto, chiusi in stanze blindate, evitando lo streaming primigenio, segnala un’inversione di atteggiamento radicale: dalla purezza di origine alla logica angusta del Palazzo e della Casta”. Otelma prosegue:”Non consultare la piattaforma Rousseau sulla decisione finale da assumere, se coi servi del duce puffo (Renzi, ndr) ansiosi di conservare le corpose prebende e i privilegi o colla Lega Nazionale, è di tutta evidenza una gravissima violazione della Norma Fondamentale di convivenza grillina e una palese conferma del terrore dei possibili risultati del voto dei militanti”.

Divino Otelma:”Governo Pd-M5s? Armata Brancaleone”

L’invettiva del Divino Otelma prosegue all’attacco di M5s e Pd:”Questo governo è frutto dell’intrallazzo e si consegna mani e piedi alla Gran Baldracca: cotesta tirerà i fili sinché lo riterrà utile”. Poi la visione:”Le prossime competizioni elettorali, regionali e locali mostreranno che l’operazione politica avviata contribuirà ad ulteriori regressi di consensi, sia per i 5 Stelle, sia per il troncone residuo del PD: simul stabunt simul cadent”. Di più:”Confermiamo quanto già vaticinato a iosa: quando il popolo finalmente voterà, vincerà il centro-destra ed in particolare trionferà Matteo Salvini”. Poi la chiosa:”Questo governo nasce dalla paura del voto degli italiani: è il connubio osceno di due forze in declino, parassitarie, residuali, avulse dal tessuto sano della Nazione. Due minoranze non fanno una maggioranza, ma una armata Brancaleone destinata alla sconfitta finale”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA