Beyoncé / Formosa nella vita, scheletrica nel bozzetto di Roberto Cavalli

- La Redazione

La cantante dal fisico “curvy” viene rimodellata da H&M, ma lei protesta e i cartelloni non vengono “photoshoppati”, poi appare il bozzetto dell’abito disegnato per lei da Cavalli…

bozzetto_beyonce_phixr
Beyonce

Nel giro di poche settimane il fisico prorompente di Beyoncè finisce sui giornali e al centro di una polemica, o quanto meno dell’attenzione del pubblico.

A fine maggio H&M aveva esposto i suoi cartelloni pubblicitari con abiti estivi e costumi da bagno indossati dalla testimonial d’eccezione Beyoncè; quello che gli ammiratori della cantante e del marchio non sanno è che inizialmente le stesse immagini erano state “photoshoppate” per regalare alla cantante dei fianchi meno importanti e un lato B più discreto. Ma quando la cantante ha visto le immagini è andata su tutte le furie e le sue proteste hanno avuto la meglio sulle questioni di marketing, tanto che il CEO del marchio svedese, Johan Persson, si è visto costretto a rivedere la politica dell’azienda in fatto di modelle: “Non penso che abbiamo fatto sempre il nostro meglio, abbiamo spesso usato modelle troppo magre. È una cosa su cui stiamo lavorando, vogliamo mostrare che esistono tanti tipi di fisicità, non creare uno standard”.

Ora a far parlare di Beyoncè è lo stilista italiano Roberto cavalli, che ha divulgato tramite comunicato stampa il bozzetto dell’abito che la diva ha indossato durante il  Mrs Carter Show World Tour.

Il disegno mostra il volto di beyoncè su un fisico decisamente riadattato per lo stile eccessivamente magro nel quale gli stilisti creano i loro bozzetti: gambe e braccia scheletriche, vitino da vespa.Sul sito personale della cantante (iam.beyonce.com) si possono vedere le foto dell’abito indossato durante i concerti: Beyoncè, maestosa e coloratissima, possiede evidentemente tutt’altra fisicità rispetto a quella richiesta dagli stilisti, e molto probabilmente al pubblico verrà da dire “per fortuna”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori