Enrico Montesano contro Sgarbi/ “Io estremista? Mai quanto lui, vaneggia!”

- Dario D'Angelo

Polemica a distanza fra Enrico Montesano e Vittorio Sgarbi. Prima la proposta di disobbedienza civile del comico contro il Super Green Pass, poi…

enrico montesano 640x300
Enrico Montesano

Enrico Montesano invoca la “disobbedienza civile” contro l’introduzione del Super Green pass, ma la sua protesta non convince un altro critico – oltre che d’arte – del certificato verde come Vittorio Sgarbi. E da qui scoppia la polemica.
Tutto ha inizio dal duro sfogo di Montesano, che ieri all’AdnKronos ha dichiarato: “Cari amici, sono Enrico Montesano, sono Romano e a tempo perso pure Italiano. Si Italiano! per fortuna o purtroppo lo sono! Amici veri, amici rimasti, scremati, amici dalle affinità elettive, smettiamola di inviarci messaggi. Io sono stufo, non accetto questa situazione. Sono incazzato nero e tutto questo non lo sopporto più! Iniziamo una individuale, ferma, ostinata, disobbedienza civile“. L’idea lanciata da Montesano prevede di colpire “nei suoi interessi economici questo stato traditore, questo governo iniquo e questo sistema che non ci rappresenta“. “Colpiamoli nel portafoglio“, incalza il comico, che propone: “Niente più uso della carta di credito e/o bancomat, niente consumi superflui, non ricorrere alle multinazionali tipo Amazon, niente acquisti nei centri commerciai, utilizziamo prodotti italiani e negozi di vicinato“. E ancora: “Niente banca, ritiro liquidità dai conti correnti, scorporare quota abbonamento canone e disdire abbonamento Rai. Non vedere canali generalisti. Non consumare, non seguire più programmi. Il potere lo abbiamo noi consumatori ed utenti. Nente spese a Natale. Stiamo tra noi e facciamo un Natale come facevano i nostri nonni. Mandiamo a cag** i negozi, i ristoranti battenti greeeeeen passsss. Disobbedire, sparire come consumatori“.

Enrico Montesano e la sua proposta di “disobbedienza civile” contro il Super Green pass

Una ricetta integralista, radicale, che secondo Montesano ha un chiaro obiettivo alla portata: “Devono schiattare: governo, giornali e tv, senza risorse e senza ascolti! Da oggi si comincia. Vediamo se noi segregati, maltrattati, siamo cosí inutili, insignificanti e ininfluenti! Questo super greeeen cazzz è un’offesa alla dignità. Non siamo affatto pochi! Gli possiamo fare molto male. 30 giorni!! Teniamo duro, lo so è un gran sacrificio ma ne va della nostra libertà e dignità! Possiamo ficcarglielo in quel posto! Volete farlo? Se siete convinti diffondete questo messaggio. Grazie. Resistenza Verità Libertà“.

A rispondere alla sua proposta, però, arriva Vittorio Sgarbi, secondo cui Montesano “potrebbe avere anche ragione a volersi opporre alle misure restrittive del governo, ma la sua posizione mi appare troppo estremistica per trovare un seguito: propone un lockdown ancora più ristretto, non credo possa avere il risultato auspicato perché è una posizione autolesionistica“. Secondo il critico d’arte, insomma, “Montesano combatte una battaglia troppo laterale, e rischia così di essere assimilato ai no vax. Mi pare strano che sortisca un risultato, credo che questo rientri più nelle sue provocazioni“. Infine, Sgarbi osserva: “Montesano cerca uno spazio politico nell’area no vax, ma questa non è la strada giusta. Doveva dire semmai ‘fate di più’ in questo periodo, per dimostrare eventualmente che non si diffonde comunque il contagio, ma non ‘fate di meno’“.

Montesano a Sgarbi: “Io estremista? Vaneggia”

Montesano però non ci sta. Prende la palla al balzo e risponde a Sgarbi: “Sgarbi mi definisce ‘estremista’? Con tutto il rispetto vaneggia, io sono per la libertà di scelta, freevax, e non credo che lui, commentatori vari e giornali al seguito, abbiano letto tutta la mia intervista di ieri. E se lo hanno fatto, ne hanno travisato il senso estrapolando ciò che faceva più comodo“. Montesano chiude con una stoccata: “Rispondo solo a Sgarbi perché lo stimo e perché è già la seconda o terza volta che mi descrive come estremista, uno che prende posizioni estreme. Certo, detto da Vittorio l’equilibrato, che di sparate incandescenti ed estreme è il re, mi sorprende e mi conforta. Ho ancora molto margine per estremizzare ai suoi livelli“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA