Esodo Milano: 200mila in partenza/ Code a Malpensa: iniziata “fuga” prima dei divieti

- Silvana Palazzo

Esodo Milano: 200mila in partenza. Oggi code a Malpensa: iniziata “fuga” prima dei divieti. Se 80mila persone prenderanno l’aereo, in 50mila si sposteranno con il treno, gli altri in auto

coronavirus tamponi malpensa lapresse1280 640x300
Area tamponi per i passeggeri in arrivo all'aeroporto di Malpensa (LaPresse)

A Milano è cominciato l’esodo in vista delle feste di Natale e Capodanno. Il weekend alle porte è l’ultimo in cui si può partire prima della stretta a cui sta lavorando il governo. Così da questa mattina centinaia di persone sono in partenza dall’aeroporto di Malpensa. Nella maggior parte dei casi si tratta di spostamenti nazionali, ma non mancano partenze all’estero dove non ci sono divieti. Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, nel weekend circa 200mila persone lasceranno il capoluogo lombardo.

Di queste 80mila prenderanno l’aereo, con il picco previsto proprio nella giornata odierna, 50mila il treno, mentre il resto del traffico riguarderà spostamenti su auto private, quindi si snoderà in autostrada. SEA Aeroporti Milano ha comunicato le previsioni riguardanti le partenze nel weekend: 56mila da Malpensa, 24 mila da Linate. Si tratta di un flusso molto più intenso di quello registrato nei giorni scorsi, ma comunque nettamente inferiore rispetto a quello dell’anno scorso nello stesso periodo.

ESODO MILANO, INIZIATA “FUGA” PRIMA DEI DIVIETI

Se ieri sera alla stazione Centrale di Milano si sono verificati i primi momenti di calca in attesa dei treni notturni, questa mattina la situazione è tranquilla, anche se c’è un flusso continuo di viaggiatori. I treni comunque viaggiano al 50% di capienza e il numero dei treni è il 30% di quelli che viaggiavano prima della pandemia Covid. Sono una cinquantina comunque i treni a lunga percorrenza che lasceranno Milano oggi direzione Centro-Sud. Come riportato dal Corriere della Sera, sono esauriti ormai i biglietti per i Frecciarossa da Milano a Napoli, mentre sul sito di Trenitalia restano pochi posti per domani e domenica.

Il presidente della Regione Lombardia aveva già lanciato l’allarme esodo Milano un paio di settimane fa. «Rischiamo di rivivere quello che successe nella notte fra il 7 e l’8 marzo. Dovremo cercare di attrezzarci», aveva dichiarato Attilio Fontana. E infatti la macchina del Viminale si è subito messa in moto con un piano ad hoc per controlli in piazze e strade e per il monitoraggio di autostrade, stazioni, porti e aeroporti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA