Fondo pensione casalinghe/ INPS annuncia ristrutturazione del portale: cosa cambia

- Maria Melania Barone

Fondo pensione casalinghe, che cos’è, in cosa consiste e cosa cambia dopo la ristrutturazione da parte dell’INPS che ne ha reso più facile la fruizione integrando il sistema PagoPa.

fondo casalinghe portale aggiornato inps 2022 640x300

Il fondo pensione delle casalinghe è stato potenziato così da rendere più veloce e facile l’iscrizione e il versamento dei contributi. Si tratta di una ristrutturazione telematica volta a rendere più semplice la user experience dei contribuenti iscritti al fondo pensione istituito nel 1997 e rivolto a tutte le persone che svolgono lavori di cura non retribuiti e che riguardano la responsabilità domestica o familiare come la cura della casa oppure di uno o più membri della famiglia.

Fondo pensione casalinghe: aperto ad entrambi i sessi e da oggi integrato a PagoPa

L’INPS ha comunicato di aver potenziato i servizi telematici utili al contribuente in modo da rendere più semplice il versamento di fondo contributi.

Iscrizione a questo fondo è aperta sia a uomini che a donne purché siano direttamente impegnati in attività domestiche per la cura della casa o della famiglia. L’adesione ovviamente è libera e non obbligatoria, si tratta di un fondo che è in grado di apportare numerosi benefici per chiunque decida di iscriversi e una volta effettuata l’iscrizione i contributi vengono accreditati sul conto assicurativo distinto dal fondo pensionistico.

Fondo pensione casalinghe: chi può iscriversi e che benefici può trarne

Possono iscriversi tutte le persone in età da lavoro e quindi di età compresa tra 16 e 65 anni che abbiano determinate requisiti: non prestano attività lavorativa dipendente o autonoma, non siano notificati di pensione diretta.

La ristrutturazione telematica operata dall’INPS ha come obiettivo quello di rendere il fondo interattivo con il sistema pagopa con cui adesso è possibile pagare i contributi.
Il fondo pensione casalinghe serve a costruirsi autonomamente una posizione previdenziale una volta raggiunti i requisiti fissati. Dal momento che una riforma pensioni non è ancora stata trattata dal governo, contemplare queste strategie previdenziali alternative attraverso fondi complementari o assicurativi è sicuramente la scelta più giusta per progettare il proprio domani.







© RIPRODUZIONE RISERVATA