FRANCESCO DE GREGORI/ “Greatest hits live” per celebrare 40 anni di carriera

- Stefano De Palma

Lasciata a casa l’orchestra Francesco De Gregori torna on the road a cantare i suoi successi

De Gregori
Foto di Daniele Barraco

Il trionfale tour “De Gregori & Orchestra – Greatest Hits Live” ha visto il tutto esaurito ovunque e si è concluso con una doppia data presso il Teatro degli Arcimboldi di Milano, dopo essere passato da palchi prestigiosi come le Terme di Caracalla a Roma o l’Arena di Verona. Si è trattato dell’ennesimo esperimento di un cantautore che in carriera non è mai stato prevedibile ed è riuscito a dare un contributo importante alla musica italiana in ogni decade (e sei targhe Tenco lo dimostrano).

A marzo De Gregori tornerà, in sale concerto più piccole, a riproporre i suoi più grandi successi in compagnia della sua band, composta da Guido Guglielminetti al basso e contrabbasso, Carlo Gaudiello alle tastiere, Paolo Giovenchi alle chitarre, Alessandro Valle alla pedal steel guitar e al mandolino. Per la prima volta sarà sul palco anche Simone Talone alle percussioni.

Il tour è prodotto e organizzato da Friends & Partner e crediamo sia un’occasione da non sprecare, anche per chi l’ha appena visto nel tour appena conclusosi. “La donna cannone”, “Buonanotte fiorellino”, “Titanic”, “Rimmel”, “Alice” e tutte le sue canzoni più belle verranno infatti proposte di nuovo nella forma che tutti conosciamo e che tutti abbiamo cantato almeno una volta nella vita.

Non è ancora stato annunciato a chi sarà affidato l’opening-act, ma vista la gloriosa sfilza di collaborazioni illustri nella carriera del Principe, aspettiamo fiduciosi.

LE PRIME DATE CONFERMATE

5 marzo al Vox Club di Nonantola (Modena)

6 marzo alla Supersonic Arena di S. Biagio di Callalta (Treviso)

8 marzo al Volkshaus di Zurigo

10 marzo all’Alcatraz di Milano

12 marzo a La Cigale di Parigi

14 marzo a La Madeleine di Bruxelles

15 marzo al Den Atelier di Lussemburgo

18 marzo al Cadogan Hall di Londra

21 marzo all’Atlantico Live di Roma

23 marzo al Teatro Nuevo Apolo di Madrid

© RIPRODUZIONE RISERVATA