GIANLUIGI NUZZI VS ALDA D’EUSANIO/ “Come Giovanna D’Arco”, lei “bugie enormi”

- Emanuela Longo

Gianluigi Nuzzi contro Alda D’Eusanio e la vicenda della presunta mascherina rotta: scontro acceso a Live non è la d’Urso, lei “finanzieri? Li denuncio”

nuzzi deusanio live non e la durso 640x300
Gianluigi Nuzzi vs Alda D'Eusanio, Live Non è la d'Urso

Con un post social Gianluigi Nuzzi ha voluto ironizzare sulla vicenda che ha coinvolto di recente la collega Alda D’Eusanio, “vittima”, a suo dire, di una multa da 400 euro per via di una presunta mascherina rotta che proprio ieri sera ha portato con sé a Live Non è la d’Urso. “Ho fatto questo post perchè la storia è un po’ diversa da quella che racconta lei”, ha spiegato in collegamento con la trasmissione di Canale 5. Il conduttore di Quarto Grado, pur non essendo presente ha ammesso di aver letto i verbali, “quindi quello che dico io non sono credibile?”, lo ha incalzato la D’Eusanio. “Sì, sei credibile quanto gli uomini della Guardia di finanza e numerosi testimoni”, ha replicato Nuzzi, riprendendo il contenuto dei verbali. Dopo aver ripercorso quanto asserito dai finanzieri, la D’Eusanio ha protestato: “Ma sono delle bugie enormi!”. Sempre secondo Nuzzi nel verbale ci sarebbe scritto che la collega avrebbe fatto i nomi di alti ufficiali della Guardia di Finanza, ma anche su questo la D’Eusanio si è mostrata interdetta tanto da tuonare: “Questi io li denuncio!”. Clicca qui per vedere il video (Aggiornamento di Emanuela Longo)

“SIAMO STUDI, VERGOGNATI”

Alda D’Eusanio furiosa per la multa ricevuta dalla Guardia di Finanza per la mascherina rotta. “Dicono bugie”, apre l’opinionista della D’Urso nel suo intervento a Live. La giornalista si prende i rimproveri di Gianluigi Nuzzi, in collegamento da studio: “Ha fatto dei nomi di alti ufficiali della Guardia di Finanza secondo il verbale. Evidentemente c’è una cospirazione nei confronti della D’Eusanio”, commenta ironicamente. “Se uno sbaglia – aggiunge Nuzzi – è giusto prendere la multa. Non è possibile che la mascherina si sia rotta nel momento in cui la Guardia di Finanza è entrata nel bar. Doveva tornare a casa e non dire ‘lei non sa chi sono io’. Siamo stufi!”. La D’Eusanio è allibita e dà una versione completamente diversa: “Ho documentato tutto col video, noi cittadini abbiamo uno strumento importante come il cellulare. Sono entrata al bar con una mascherina molto delicata, quella da 50 centesimi… non le comprate perché sennò pagate il cornetto quattrocento euro”,dice Alda D’Eusanio. “Quando mi si è rotta, ho infilato l’elastico nel buchino ma ormai era rotta e l’ho lasciata così. Ero a 1 metro e mezzo di distanza dal barista. Avevo 3 persone in abito civile alle mie spalle. Ho cercato di sdrammatizzare dicendo che ero Giovanna D’Arco, non avevo i documenti. In quel momento succede qualcosa di strano e dopo mezzora arriva la Guardia di Finanza. In sei agenti per la mia mascherina”, commenta amareggiata. (Aggiornamento di Jacopo D’Antuono)

CASO MASCHERINE, ALDA D’EUSANIO VS GIANLUIGI NUZZI A LIVE

Nelle passate ore la giornalista e opinionista Alda D’Eusanio ha lamentato con un video su Instagram di essere stata vittima di una multa di 400 euro da parte dei militari della Guardia di Finanza mentre era in un bar a Roma perchè “sprovvista” di mascherina. In realtà il volto noto aveva la mascherina ma le si era rotta, dunque era impossibilitata ad indossarla in modo corretto, come avrebbe dovuto. Sull’accaduto – e relativa lamentela della D’Eusanio – si era espresso anche il giornalista Gianluigi Nuzzi che oggi è tornato con una diretta Instagram per dire nuovamente la sua criticando a sua volta l’attacco frontale della collega alle nostre forze dell’ordine. Nel precedente video, Nuzzi aveva esposto dei dubbi sulla ricostruzione della D’Eusanio e sulle sue parole riferite alla Cassa integrazione. “Quando noi personaggi pubblici commettiamo un errore dobbiamo pagare come gli altri, stare zitti e scusarci”, ha invece commentato il conduttore di Quarto Grado secondo il quale, se un volto pubblico attacca pubblicamente le forze dell’ordine “è un fatto molto grave perchè ha una grossa amplificazione mediatica”, soprattutto in questo periodo di grande stress e lavoro mirato alla salvaguardia della salute di tutti. Nuzzi ha precisato di non voler proteggere a tutti i costi le forze dell’ordine: “i casi di violenza nelle caserme, soprusi e angherie, puniamoli. Ma quello della D’Eusanio era davvero un sopruso? Siamo così sicuri?”, si è domandato il giornalista.

GIANLUIGI NUZZI VS ALDA D’EUSANIO: LA VERSIONE DEI FINANZIERI

Gianluigi Nuzzi, nel commentare la vicenda che ha interessato Alda D’Eusanio e la presunta mascherina rotta, ha letto un comunicato della Guardia di Finanza e pubblicato da Dagospia che darebbe una versione del tutto diversa rispetto a quella fornita dalla giornalista. I finanzieri avrebbero chiesto ripetutamente alla D’Eusanio di indossare la mascherina ma solo dopo il suo rifiuto avrebbero provveduto alla stesura del verbale nel quale si legge della rottura dell’elastico del dispositivo avvenuta all’interno del locale. Stando però a quanto riporta ancora Dagospia, in realtà la mascherina sarebbe stata integra e si sarebbe rotta solo in seguito all’esterno del locale durante le operazioni di identificazione. In un secondo momento i finanzieri sarebbero entrati nel locale per raccogliere la testimonianza dei presenti i quali avrebbero confermato che la signora D’Eusanio non indossava la mascherina all’interno del bar. Nuzzi, nel video, si è quindi rivolto direttamente alla collega ricordandole la presenza dei testimoni: “Ci sarebbero dei verbali e delle persone che hanno visto la signora D’Eusanio senza mascherina”, ribadisce Nuzzi che quindi avanza due possibilità. O ci sarebbe stato un complotto contro la giornalista oppure la sua ricostruzione non sarebbe del tutto veritiera. Il conduttore tv ha poi voluto precisare come il suo unico interesse rispetto alla vicenda sia solo quello di tutelare le nostre istituzioni: “Non puoi attaccare sempre i carabinieri, la polizia e la guardia di finanza mentre fanno il loro lavoro e ti pizzicano che sbagli”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA