Gianna Nannini/ “Amare fa soffrire, ma ho sempre amato molto”, periodo d’oro con moglie e la figlia Penelope

- Emanuele Ambrosio

Gianna Nannini tra i protagonisti della puntata di Techetechetè rivela: “ho sperimentato la follia e la schizofrenia e posso dirlo ‘non sono pazza!'”

Gianna Nannini
La cantante Gianna Nannini

Gianna Nannini tra i protagonisti della nuova puntata di Techetechetè su Rai1. La rocker senese è una delle voci più belle della musica italiana; cantautrice di grande successo, la Nannini si è raccontata a cuore aperto dalle pagine di Vanity Fair parlando della sua carriera, delle difficoltà iniziali, ma anche di donne.

“Tutte le donne dovrebbero avere una stanza solo per respirare, immaginare, scrivere” – ha raccontato l’artista che giovanissima ha lasciato la sua città natale di Siena per trasferirsi a Milano in cerca di fortuna. Non è stato un periodo facile come ha raccontato la Nanni che ha confessato: “mantenersi, all’inizio, non fu facile. Mio padre mi aveva promesso una macchina se avessi conseguito il diploma prima del previsto. Feci due anni in uno e a 18 anni, con la Lancia regalata da papà, scorrazzavo in questa città tutta nuova facendomi rubare l’autoradio per incassare i soldi dell’assicurazione. La lasciavo in bella vista sul sedile del passeggero, ogni tre mesi qualcuno regolarmente spaccava il vetro e io incassavo felice i soldi dell’assicurazione”. L’amore è sempre stato il centro della sua vita personale ed artistica anche se ha confessato: “anche amare fa soffrire, ho sempre amato molto”.

Gianna Nannini e l’amore: “Ho sempre amato uomini e donne”

Gianna Nannini si è poi lasciata andare ad una serie di confessioni anche sulla sua adolescenza e sulla crescita come donna. “Da ragazza non mi piacevo ed evitavo di guardarmi allo specchio. Mi vedevo brutta. Il naso lungo, le tette che di diventare grandi non volevano proprio saperne, lo sviluppo che tardava ad arrivare e un canone estetico che non collimava con quello in voga. L’adolescenza è un’età terribile. Come rimani male nell’adolescenza, dopo non rimani più” – ha dichiarato a Vanity Fair.

La cantante ha poi ricordato del primo grande amore precisando: “e chi se lo dimentica? Ti sorprende puro, senza meccanismi di difesa. Un ragazzo che mi fece incazzare e a cui in realtà piaceva un’altra: son quelle cose che ti capitano a 14 anni e ti fanno decidere di diventare cantante”. Poi la Nannini ha parlato di genere facendo una fortissima riflessione: “ami gli uomini? Ami le donne? Sempre le stesse domande, davanti alle quali uno vorrebbe dire soltanto: “Ma te li fai i cazzi tuoi? Eppure sarebbe semplice: a me le divisioni, a partire da quelle di genere, non mi hanno mai interessato granché. Ho sempre amato uomini e donne e soprattutto non ho mai avuto freni nel sentire e seguire quello che volevo”.

Sicuramente ora sta vivendo mo mento d’oro in amore grazie al bellissimo rapporto con la moglie Carla e la figlia Penelope come dimostrano le immagini uscite recentemente delle vacanze all’insegna della spensieratezza con la sua famiglia. Quello tra Gianna Nannini e sua figlia Penelope, d’altronde, è un rapporto simbiotico. La bambina segue la mamma in tutti i suoi spostamenti, ed è proprio nei vari viaggi, anche di lavoro, che la cantante ne approfitta per darle importanti insegnamento. D’altronde è stata proprio lei, di recente, a dichiarare: “L’altro giorno Penelope era con me, impara un sacco. Per me un tour di rock è il miglior asilo per i bambini”. E con una mamma come la Nannini, il rock è assicurato!

© RIPRODUZIONE RISERVATA