GIORGIA MELONI: “MI HANNO AUGURATO DI ABORTIRE”/ “Per la prima volta mi hanno ferita”

- Stella Dibenedetto

Giorgia Meloni, ospite di Verissimo, racconta il dolore provato quando, dopo l’annuncio della gravidanza, le augurarono di abortire.

Giorgia Meloni nello studio di ‘Verissimo’
Giorgia Meloni nello studio di ‘Verissimo’

Giorgia Meloni, ospite di Silvia Toffanin a Verissimo, ammette di aver ricevuto spesso pesanti insulti, anche se i più terribili sono arrivati quando aspettava sua figlia Ginevra. “Mi hanno augurato di abortire. Io l’ho patita questa cosa, era come se alla prima prova di maternità l’avessi già esposta. Non ero riuscita a proteggerla. È stata la prima volta che un insulto mi ha davvero ferita dentro.” ha ammesso la leader di Fratelli d’Italia. E, parlando di sua figlia, ha ammesso che “Con Ginevra ho conosciuto le forme più estreme dell’emozione: l’amore e la paura. Quando diventi madre il baricentro della tua vita si sposta da te a lui. Con lei ho iniziato ad avere paura ma non per me, per lei. Non sono più libera di nulla ora, neanche di morire.” (Aggiornamento di Anna Montesano)

Giorgia Meloni e gli insulti dal web

Giorgia Meloni si racconta a cuore aperto nel salotto di Verissimo, nella puntata in onda sabato 8 maggio. Ai microfoni di Silvia Toffanin, la Meloni ha parlato della maternità e della sofferenza provata quando, dopo l’annuncio della gravidanza, c’è chi le ha augurato di abortire. “Le critiche sono la cosa più naturale per chi fa il mio lavoro. Gli insulti non li leggo e non mi fanno quasi più male. Però, ho sofferto quando annunciai di aspettare mia figlia Ginevra al Family Day. Ci sono stati molti hater che mi hanno augurato di abortire“, ha raccontato la Meloni non nascondendo il dolore provato in quel momento. “Questa cosa l’ho patita perché mi sono sentita in colpa, come se, alla prima prova di maternità, non l’avessi protetta”, ha aggiunto la Meloni che, con la nascita della figlia Ginevra, frutto del suo amore con il giornalista Andrea Giambruno, ha vissuto l’emozione più bella e forte della sua vita.

Giorgia Meloni: “Dura accettare che Ginevra sia figlia unica”

Legatissima alla madre il cui giudizio resta il più importante di tutti, Giorgia Meloni ha un rapporto simbiotico con la sorella che è stata la sua guida e a cui, ancora oggi, si appoggia. “Mia sorella è stata la mia guida. Ancora oggi è l’unica persona con la quale ho fisicamente bisogno di parlare al telefono per chiacchierare, per sfogarmi, non c’è nulla di me che lei non conosca”, ha spiegato la Meloni. Proprio per il fortissimo legame che ha con la sorella, a Silvia Toffanin, Giorgia Meloni ha confessato di soffrire nel vedere Ginevra figlia unica. “Per il legame che ho con mia sorella, è dura accettare che Ginevra sia figlia unica. Quando diventi madre è come se smettessi di vivere avendo come baricentro te stesso. I figli ti fanno sperimentare tutte le tue emozioni più grandi“, ha confessato.



© RIPRODUZIONE RISERVATA