Giuliano Pisapia/ “Riforma Cartabia offre una giustizia equa, ora o mai più”

- Carmine Massimo Balsamo

L’ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia: “La celerità è l’obiettivo principale. Bisogna evitare che i processi siano troppo lunghi”

giuliano pisapia
Beppe Sala con Giuliano Pisapia (LaPresse)

Giuliano Pisapia si schiera dalla parte di Marta Cartabia. L’ex sindaco di Milano, nonché avvocato, ai microfoni de La Stampa s’è detto allibito dal dibattito sulla riforma della giustizia, ricordando che già in passato c’è stata paura nei confronti di chi faceva di tutto per bloccare le riforme: «Troppo spesso si è visto e si vede il garantismo a senso unico per se stessi, per gli amici e non per gli avversari». L’europarlamentare dem però si è detto fiducioso grazie all’ampio consenso del governo e alle personalità di altissimo livello chiamate in causa.

«Ci troviamo davanti a un’occasione unica. Il testo non può essere bocciato. Siamo all’adesso o mai più», ha spiegato Giuliano Pisapia, ribadendo che la riforma Cartabia ristabilisce equilibrio, aumentando il numero di magistrati, rinforzando gli organici dei Tribunali e assumendo tutti gli operatori del diritto necessari: «La celerità è l’obiettivo principale. Bisogna evitare che i processi si prescrivono. Bisogna evitare che siano troppo lunghi».

GIULIANO PISAPIA: “QUESTO É L’ULTIMO TRENO CHE PASSA”

Nel corso del suo dialogo col quotidiano di Giannini, Giuliano Pisapia ha spiegato che il presupposto fondamentale è che finalmente arriveranno i fondi per una giustizia più celere e più garantista, rimarcando grande fiducia sull’esito della discussione: «L’autorevolezza del presidente del consiglio e della Guardasigilli è qualcosa che non sempre c’è stata in passato. Ma ora c’è. Credo che nessuna possa permettersi di bloccare una riforma che è il presupposto per ottenere ingenti somme di denaro, più di 190 miliardi, quanto mai necessarie dopo la pandemia. Lo ripeto: questo è l’ultimo treno che passa».



© RIPRODUZIONE RISERVATA