Giuseppe Cardoselli ucciso dall’ex compagna ad Anzio/ L’omicidio dell’avvocato e il processo

- Giovanna Tedde

Il caso di Giuseppe Cardoselli, noto avvocato ucciso nel suo studio di Anzio nel 2019: ad agire, secondo la ricostruzione, l'ex compagna in lite con lui per l'affidamento delle figlie

Suicidio a Milano Immagine di repertorio (LaPresse)

Giuseppe Cardoselli è stato ucciso nel 2019 all’interno del suo studio legale di Anzio (Roma). Noto avvocato all’epoca 57enne, sarebbe stato accoltellato dalla ex compagna in lite con lui per l’affidamento delle due figlie dopo la separazione. La donna, Mioara Bascoveanu, lo avrebbe colpito con un coltello e avrebbe inferto numerosi fendenti al collo e al petto dell’ex compagno, uno dei quali, fatale, avrebbe raggiunto la vittima alla gola.

Giuseppe Cardoselli avrebbe opposto un disperato tentativo di difesa, come dimostrato dalle ferite a carico delle mani, e sarebbe morto poco dopo la brutale aggressione. A chiamare il 112 sarebbe stata la stessa ex compagna che, ai carabinieri, avrebbe confessato il delitto. Era la sera del 29 ottobre quando la storia di Giuseppe Cardoselli, dopo una spirale di attriti con l’ex compagna che non si sarebbe mai arresa alla fine della relazione, è piombata sulle cronache con un carico imponente di orrore e sgomento.

L’omicidio di Giuseppe Cardoselli e il processo a carico dell’ex compagna Mioara Bascoveanu

Le tensioni tra Mioara Bascoveanu, 39enne di origine romena, e l’ex compagno Giuseppe Cardoselli, 57 anni, secondo quanto ricostruito da RaiNews sarebbero scoppiate per l’affidamento delle due figlie, all’epoca bimbe di 9 e 5 anni. La vittima le avrebbe volute con sé e nel pomeriggio del 29 ottobre 2019 la donna si sarebbe presentata nello studio legale del suo ex ad Anzio, in via Ardeatina, e durante l’ennesima lite avrebbe colpito Giuseppe Cardoselli con un coltello da cucina con lama di 20 centimetri.

Il professionista 57enne sarebbe stato ferito con circa 17 coltellate inferte in diversi parti del corpo, dal petto al collo, e avrebbe riportato numerose e profonde ferite tra cui una, fatale, alla gola. Giuseppe Cardoselli non ha avuto scampo ed è morto nel suo studio legale, trovato dalle forze dell’ordine in una pozza di sangue dopo la telefonata dell’ex compagna al 112 proprio. La donna sarebbe stata arrestata sul posto la sera stessa, poi finita a processo davanti alla Corte d’Assise di Frosinone. In primo grado, l’ex compagna di Giuseppe Cardoselli sarebbe stata condannata a 24 anni di carcere. La Procura aveva chiesto l’ergastolo per omicidio volontario con l’aggravante della premeditazione. In appello, nel 2023, i giudici avrebbero stabilito per Mioara Bascoveanu una pena a 22 anni di reclusione. La donna sarebbe stata destinata a una comunità protetta perché le sue condizioni sarebbero state ritenute incompatibili con il regime carcerario.





© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Un giorno in pretura

Ultime notizie