Giuseppe Conte primo su Pornhub/ Il premier in trend topic nelle ricerche del portale

- Davide Giancristofaro Alberti

Giuseppe Conte primo su Pornhub: il presidente del consiglio è il personaggio più ricercato della settimana in Italia sul noto portale video

Conte e Borrelli
Angelo Borrelli con Giuseppe Conte (LaPresse, 2020)

In un periodo di crisi e di emergenza come quello che stiamo vivendo causa l’epidemia di coronavirus, il premier Giuseppe Conte sta acquistando grandissima popolarità. Al di là del consenso politico, il popolo femminile pare stia apprezzando e non poco il sex appeal del nostro presidente del consiglio. Vi avevamo già spiegato pochi giorni fa, le pagine social che stanno spopolando, le famose “Bimbe di Conte”, che sottolineano il fascino del nostro primo ministro. E’ delle ultime ore, invece, la notizia che Conte sia addirittura il primo nome fra le ricerche effettuate la scorsa settimana su Pornhub, noto sito dove si trovano filmati vietati ai minori. Sia chiaro, non esistono video hard con protagonista il nostro Premier, infatti, digitando Giuseppe Conte, emergono un paio di filmati dello stesso impegnato in altre questioni politiche.

GIUSEPPE CONTE PRIMO SU PORNHUB: ACCOUNT PREMIUM GRATIS

Non è quindi ben chiaro come mai il massimo esponente dell’esecutivo giallorosso sia finito in cima alle ricerche di un sito in cui viene pubblicato materiale esplicito, fatto sta che la notizia è divenuta virale in queste ultime ore, e non potevamo non riportarvela. La cosa certa, anche se non ve ne fosse bisogno, che di pari passo alla popolarità sexy di Conte, è cresciuta anche quella di Pornhub. Il noto sito vietato ai minori aveva infatti annunciato negli scorsi giorni, un accesso gratuito a contenuti premium rivolto a tutti gli italiani, a seguito della chiusura di tutte le attività emanata la settimana scorsa. In poche parole, si potrà accedere all’account premium senza dover inserire i dati della propria carta di credito. Inoltre, lo stesso portale video, ha fatto sapere che donerà una percentuale di tutti i proventi del mese di marzo, per aiutare appunto l’Italia a combattere questa gravissima emergenza che sta mietendo ogni giorno centinaia di vittime.







© RIPRODUZIONE RISERVATA