GUERRA IN SIRIA/ Quei 13mila “effetti collaterali” nascosti dei bombardamenti Usa

- Giuseppe Gagliano

Nel corso della guerra in Siria contro l’Isis, gli Stati Uniti con i bombardamenti aerei hanno causato migliaia di vittime fra i civili, come nel 2019 a Baghuz. Una strage nascosta

guerra turchia siria
Famiglia curda in fuga da Ras al Ain (LaPresse)

Tra il 2018 e l’inizio del 2019, la coalizione guidata dagli Stati Uniti aveva intensificato la sua campagna di bombardamenti e artiglieria nella Siria orientale come parte di uno sforzo finale per rimuovere dallo Stato islamico qualsiasi base che il gruppo ancora controllava. La campagna aerea aveva due obiettivi: indebolire le forze dell’Isis a terra e spingere i restanti combattenti e civili a sud lungo il fiume Eufrate. I combattenti curdi, alleati della coalizione, avrebbero poi preso il controllo dei villaggi bombardati.

Gli ultimi combattenti dell’Isis erano stati finalmente rinchiusi nel marzo 2019 in un piccolo villaggio chiamato Baghuz, tra l’Eufrate e il confine iracheno. L’Isis ha posto in essere la sua ultima roccaforte proprio lì e i combattenti si sono mescolati insieme a familiari e civili intrappolati dal conflitto, mentre la coalizione guidata dagli Stati Uniti ha colpito il villaggio dall’alto.

“È difficile immaginare come qualcuno possa sopravvivere”, ha detto il giornalista della Cbs News, Charlie D’Agata, che ha guardato gli attacchi aerei da terra vicino a Baghuz nel marzo 2019. 

In un’indagine pubblicata lo scorso fine settimana, il New York Times ha raccontato la storia di uno di quegli assalti. Il 18 marzo 2019, l’Aeronautica Militare americana ha sganciato una bomba da 500 libbre, seguita da due esplosivi da 2.000 libbre, su una folla di donne e bambini vicino al fiume a Baghuz.

Chi l’ha lasciato cadere? Secondo la storia del New York Times, questo attacco aereo è stato “uno dei più grandi incidenti civili di vittime della guerra contro lo Stato islamico”. Ma è venuto alla luce solo dopo le indagini condotte sia da parte dell’ispettore generale indipendente che della Air Force Office of Special Investigations.

Ma questo bombardamento su donne e bambini non è stato il solo: è infatti uno degli attacchi finali di una serie che sono durati mesi e che hanno ucciso decine di civili. Sono quelli che nel linguaggio tecnico e asettico dei militari vengono chiamati “effetti collaterali”.

I bombardamenti descritti dal New York Times mostrano che i funzionari del Dipartimento della Difesa sapevano di aver ucciso civili e che poi avevano fatto di tutto per impedire che le implicazioni dei bombardamenti fossero esaminate pubblicamente. “I bombardamenti che sono stati esaminati pubblicamente dal Times dimostrano che la campagna della coalizione non risparmiava civili anche se questi bombardamenti all’epoca non erano coperti dai media internazionali”, ha sottolineato Chris Woods, direttore dell’Airwars con sede a Londra, che tiene traccia dei danni civili nelle zone di guerra in Iraq, Siria e Libia.

Airwars afferma di aver confermato 1.417 morti civili per attacchi aerei della coalizione in Siria e Iraq, anche se il gruppo stima che il numero potrebbe essere superiore a 13.000.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA