Harry e Meghan perdono titolo reale/ Regina li “scarica”: restituiranno 2,4 milioni

- Silvana Palazzo

Harry e Meghan perdono titolo reale: l’annuncio al termine delle trattative. La regina Elisabetta li “scarica”: restituiranno 2,4 milioni per la ristrutturazione di Frogmore House

principe_harry_meghan_markle_2018
Il principe Harry e Meghan Markle

Il principe Harry e la moglie Meghan Markle non sono più Altezze Reali: un comunicato di Buckingham Palace annuncia l’esito delle trattative sul futuro della coppia. I due non potranno quindi più usare i loro titoli di “Altezza Reale”, non riceveranno più fondi pubblici e inoltre dovranno restituire il denaro dei contribuenti che è stato speso per la ristrutturazione della Frogmore House, la loro casa nel Berkshire. Intendono mantenerla come residenza nel Regno Unito, ma dovranno rimborsare 2,4 milioni di sterline. Nel comunicato si precisa anche che il nuovo status sarà vigente dalla primavera del 2020. E questo vuol dire anche che Harry e Meghan non rappresenteranno più formalmente la regina. Elisabetta II nella dichiarazione specifica però che «Harry, Meghan e Archie saranno sempre amatissimi componenti della mia famiglia». La regina riconosce anche «le sfide che hanno affrontato come risultato di un continuo esame negli ultimi due anni».

HARRY E MEGHAN PERDONO TITOLO REALE: L’ANNUNCIO DELLA REGINA

La regina Elisabetta sostiene dunque il desiderio di Harry e Meghan di avere una vita indipendente. «Voglio ringraziarli per tutto il lavoro svolto con dedizione in questo Paese, nel Commonwelth e oltre», ha aggiunto nel comunicato ufficiale. Non manca un riferimento diretto alla moglie di Harry: «Sono particolarmente orgogliosa per il modo in cui Meghan è diventata così rapidamente una di famiglia». Ma questa frase sembra studiata ad arte per spegnere le polemiche di questi giorni. Infine, la sovrana specifica che tutta la sua famiglia «si augura che l’accordo di oggi possa consentire loro di cominciare a costruire una nuova vita felice e pacifica». Per quanto riguarda i dettagli riguardanti la sicurezza, da Buckingham Palace fanno sapere che rimarranno riservatissimi: «Esistono processi indipendenti rodati per determinare il bisogno di dispositivi di sicurezza finanziati dallo Stato».



© RIPRODUZIONE RISERVATA