Hell in a Cell 2020/ Randy Orton vincitore, titolo numero 14 per lui (Wrestling WWE)

- Alessandro Rinoldi

WWE Hell in a Cell 2020 streaming video e diretta tv: ultime chances per Jey Uso e Randy Orton mentre the Miz vuole il contratto di Otis! Guerra stellare tra Sasha Banks e Bayley!

IMG 20201024 WA0000 opt 640x300

Randy Orton è stato il mattatore di Hell in a Cell 2020, il grande evento di wrestling WWE che è stato dominato appunto da Randy Orton, che è così riuscito nell’impresa di diventare per la quattordicesima volta WWE Champion. The Viper raggiunge così Triple H nell’albo d’oro a quota 14 e vede soltanto a due lunghezze di distanza i primatisti Ric Flair e John Cena, che con i loro 16 titoli a testa restano ad oggi i più decorati di sempre. Il Legend Killer ci è riuscito sconfiggendo Drew McIntyre (campione da aprile scorso, quando si prese il titolo da Brock Lesnar a WrestleMania 36) e conquistando l’alloro massimo a distanza di due anni e mezzo dall’ultima volta. Per la terza volta Randy Orton riesce nell’impresa all’interno dell’Hell in a Cell, stavolta in un Main Event da sogno per tutti i tifosi, compresi quelli del WWE Thunderdome, che hanno assistito allo spettacolo andato in scena all’Amway Center di Orlando in modo virtuale. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

HELL IN A CELL 2020 WWE

Gli occhi degli appassionati di wrestling saranno puntati su Hell In A Cell 2020 nella notte italiana tra domenica 25 e lunedì 26 ottobre. Presso l’Amway Center di Orlando, in Florida, si terrà infatti la dodicesima edizione di questo pay-per-view alla presenza del personale autorizzato ed all’interno del Thunderdome, permettendo così al pubblico di apparire in maniera virtuale nell’arena nonostante la pandemia di Coronavirus diffusa in tutto il mondo. Il numero di incontri per questo evento sembra essere stato ridotto rispetto ai soliti show e, salvo annunci dell’ultimo minuto, le sfide saranno 5, delle quali ben tre all’interno della gabbia infernale. Il campione WWE Drew McIntyre proverà ad annientare il veterano Randy Orton per mantenere il suo titolo così come le ex amiche Sasha Banks e Bayley se la vedranno a loro volta nella struttura d’acciaio contendendosi lo Smackdown Women’s Championship della Role Model. Stipulazione particolare invece per l’Hell in a Cell match tra il campione universale Roman Reigns contro suo cugino Jey Uso visto che il perdente dovrà addirittura lasciare la WWE in caso di sconfitta. Inoltre The Miz tenterà di strappare il contratto del Money in The Bank dalle mani di Otis ed Elias è a caccia di vendetta nei confronti di Jeff Hardy.

HELL IN A CELL, WRESTLING IN STREAMING VIDEO E TV

L’evento pay-per-view WWE Hell in a Cell 2020 andrà in onda in diretta dalle ore 01:00 italiane nella notte tra domenica 25 e lunedì 26 ottobre acquistando l’evento come di consueto, tramite il servizio in streaming WWE Network, la piattaforma ufficiale della compagnia di Stamford che offrirà lo show in maniera gratuita a tutti i nuovi abbonati. Attraverso gli account Twitter, Youtube, Facebook e Twitch della WWE, come sempre prima dell’evento vero e proprio dalle ore 00.00 italiane, dovrebbe inoltre essere trasmesso il Kickoff, della durata di un’ora, con i pronostici offerti da diversi ospiti e magari uno o due dei match in programma per la serata. Il ppv non sarà quindi più visibile ed acquistabile su Sky come accaduto fino all’ultimo Backlash 2020 visto il passaggio di Raw, Smackdown ed anche NXT nelle mani di Dplay Plus, il servizio on demand del gruppo Discovery che ripropone le puntate dei vari brand in chiaro in differita su Dmax.

GUERRA STELLARE TRA SASHA BANKS E BAYLEY

Il wrestling si mette l’abito da sera per la serata di Hell in a Cell 2020 in occasione dello scontro fra Bayley e Sasha Banks. L’unica sfida del ppv valida per la divisione femminile vedrà infatti opporsi due lottatrici che potrebbero essere campionesse in qualunque brand e la stipulazione che prevede la battaglia nella gabbia d’acciaio impreziosisce ancor di più uno spettacolo molto atteso dai loro tifosi. Dopo aver perso le cinture di coppia per mano del terribile duo composto da Nia Jax e Shayna Baszler, le cose si sono messe sempre peggio per la Bayley e la Banks, specialmente dopo che quest’ultima ha perso pure il titolo femminile di Raw contro la giapponese Asuka. La prima a tradire l’altra è stata Bayley ed ora la wrestler proveniente da Austin non ha alcuna intenzione di concludere il proprio regno, durato ben 380 giorni fino a questo momento. Entrambe rimaste a Smackdown nonostante il draft avvenuto nelle scorse settimane, Sasha Banks punta a strappare il titolo all’ex socia ed il fatto di aver già avuto un’esperienza all’interno di un Hell in a Cell match la colloca nella posizione di favorita per la vittoria finale, senza nemmeno dimenticare che l’atleta dai capelli blu potrebbe anche coronare in questo modo il suo prossimo debutto cinematografico visto che sarà presente nella seconda stagione di The Mandalorian, serie tratta dall’universo di Star Wars disponibile in streaming su Disney+ dal prossimo 30 ottobre.

OTIS CONTRO THE MIZ PER IL CONTRATTO DEL MONEY IN THE BANK

Lo show di Hell in a Cell 2020, come successo anche nelle passate edizioni, non comprenderà soltanto incontri all’interno della struttura di metallo. Uno dei match regolari in programma per la notte vedrà infatti opporsi Jeff Hardy ed il rientrante Elias. Quest’ultimo, riapparso in quel di RAW dopo un lungo infortunio attaccando proprio il Cavaliere del Vento, ha intenzione di vendicarsi del rivale imputandogli la colpa dell’incidente che lo aveva messo fuori gioco qualche mese fa. In quell’occasione Elias sembrava essere stato investito da Jeff Hardy, ritrovato ubriaco in un cespuglio nei pressi dell’accaduto sebbene non ci fossero testimoni oculari. Professatosi sempre innocente al riguardo, Hardy ha cercato a sua volta di replicare alla chitarra che l’avversario gli aveva spaccato sulla schiena (durante un match con Aj Styles e Seth Rollins costandogli la sconfitta) provando ad aggredire Elias mischiandosi ai componenti della sua band. I due sono molto carichi e potrebbero regalare un grande spettacolo. Altro discorso invece per The Miz, desideroso di strappare il contratto del Money In The Bank dalle mani del detentore Otis. Rimasto a Smackdown separato dal compagno di tag team Tucker, finito invece a RAW, Otis è riapparso nei panni di El Gran Gordo, un luchador dalla maschera rosa, per affrontare John Morrison e The Miz, il quale gli aveva dato del maiale non essendo degno di condividere con un veterano come lui un ring della WWE. Difficile che Otis possa perdere il contratto vinto diversi mesi fa ma The Miz non ha intenzione di continuare ad assistere uno spettacolo indecoroso come quello offerto dal lottatore barbuto.

ULTIMA SPIAGGIA PER ORTON E JEY USO

Il main event della serata di Hell in a Cell 2020 si terrà nella gabbia e vedrà protagonisti i cugini Roman Reigns e Jey Uso. Mantenuto il titolo di Universal Champion proprio contro il rivale nello scorso pay-per-view, questa sera Reigns vuole chiudere una volta per tutte la faida con Jey avendo voluto aggiungere la stipulazione dell'”I quit”. Lo sconfitto dovrà quindi abbandonare la WWE perdendo il lavoro, in modo che nessuno dei due debba più incrociare l’altro. Il supporto fornito da Paul Heyman sembra aver dato nuova vita a Roman Reigns, deciso più che mai non solo a confermarsi “capo tribù” della sua famiglia ma risultando pronto anche ad annientare ogni wrestler che si metterà sulla sua strada, compreso suo cugino Jey Uso. Gli amanti del wrestling potrebbero infine guardare con ancora un più grande interesse l’incontro fra Randy Orton e Drew McIntyre per il WWE Championship. Lo scozzese sta vivendo una faida davvero violenta con il Predatore Supremo da ormai diversi mesi e la voglia di quest’ultimo di ottenere il suo quattordicesimo titolo in carriera non sembra essersi affievolita nonostante le tante battaglie. Nell’Hell in a Cell match previsto tra i due, Ortone tenterà di far valere la sua esperienza in sfide di questo tipo mentre McIntyre cercherà di provare un’ultima volta al mondo intero perchè sia lui il campione della compagnia di Stamford.

© RIPRODUZIONE RISERVATA