HONG KONG/ La mano pesante della Cina non risparmia neppure i canti pro-democrazia

- Giuseppe Gagliano

In base alla nuova legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino, a Hong Kong sono state accusate più di 100 persone. Incarcerato anche un attivista under 20

Hong Kong
La polizia arresta un manifestante a Hong Kong (LaPresse)

Uno studente di Hong Kong di 20 anni è stato condannato il 23 novembre a tre anni e sette mesi di carcere, diventando il più giovane attivista a essere incarcerato ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino.

La sentenza è stata emessa tre settimane dopo che lo studente, Tony Chung, si è dichiarato colpevole di accuse di secessione e di riciclaggio di denaro. Nonostante le accuse, Chung ha detto al suo processo del 3 novembre di avere la “coscienza pulita”. Le accuse erano legate al ruolo di Chung in Studentlocalism, un’organizzazione studentesca pro-indipendenza che è stata sciolta prima che Pechino attuasse la legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong nel giugno 2020.

La legge criminalizza quattro categorie vagamente definite di reati, tra cui secessione, sovversione e collusione con un paese straniero. Le persone che violano la legge possono rischiare l’ergastolo.

Il procuratore, Ivan Chung, ha affermato che Tony Chung aveva “continuato il suo sforzo e la ricerca delle sue idee politiche” – che viola la legge sulla sicurezza – formando il ramo statunitense di Studentlocalism e tentando di reclutare studenti stranieri attraverso piattaforme di social media, dal 1° luglio 2020 al 27 ottobre 2020. Tony Chung ha anche agito come amministratore per la pagina Facebook di un’organizzazione pro-indipendenza nota come Initiative Independence Party, secondo il riassunto stampa del registro giudiziario del caso. L’accusa di riciclaggio di denaro era correlata alle donazioni di oltre 133.000 dollari di Hong Kong (circa 17.000 dollari) che ha ricevuto tramite PayPal.

Da quando la legge è entrata in vigore, più di 100 persone, per lo più politici pro-democrazia, attivisti, operatori media e studenti, sono state accusate di reati simili.

L’11 novembre, l’attivista Ma Chun-man, soprannominato “Captain America 2.0” per aver brandito lo scudo del supereroe durante le proteste, è stato condannato a quasi sei anni di carcere per canti pro-democrazia. Il 31enne è stato condannato per aver incitato alla secessione a causa di alcuni atti non violenti, tra cui il canto dello slogan popolare pro-democrazia, “Libera Hong Kong, rivoluzione dei nostri tempi”.

I paesi occidentali e gli attivisti hanno criticato la legge sulla sicurezza nazionale e sollevato preoccupazioni per le sue misure draconiane, come negare le libertà fondamentali delle persone e togliere l’autonomia di Hong Kong.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA