IL CASO/ Ecco il nuovo “partito” che vuole distruggere la Chiesa e il Papa

- Luca Volontè

Continuano a moltiplicarsi le azioni dirette contro la Chiesa. LUCA VOLONTE’ ci spiega qual è il più ampio progetto che esse nascondono

San_Pietro_Cupola_SeraR375_16ott08

Smantellare il mondo non è una novità, è il progetto che da sempre persegue “Codalunga”: ricordate quella mela? Ha detto bene il Papa, “i cristiani sono sempre stati perseguitati dal Potere, sempre tentati dal male come tutti, sempre sbeffeggiati e scherniti, accusati di falsità e senza tregua puniti per le loro colpe”.

 

A questo “sempre” che viene dall’esterno, giustamente papa Benedetto, non si ferma, ma ci spinge oltre con la sua denuncia sui mali interni della Chiesa e dei suoi uomini. Tutto ciò avviene in un contesto particolarmente chiaro di attacchi concentrici alla tradizione cristiana, all’idea di persona, famiglia, comunità, solidarietà, responsabilità, ecc.

Eugene Ionesco, riguardando all’ideologia e all’eugenetica di fine Ottocento e inizio Novecento, spronava i suoi contemporanei a “non evocare mai più quegli spettri”. Purtroppo, le due Sentenze della Corte tedesca, selezione embrionale ed eutanasia, sono gli ennesimi passi spediti verso quella fornace terribile.

Troppe coincidenze, troppe chiare azioni, troppi gruppuscoli “eterodiretti” che colpiscono nella medesima direzione. Abbattere la Chiesa, la comunità dei credenti nei quali è presente Gesù. Una Chiesa che ha un capo, Vicario e Pastore, mai come oggi impersonato da papa Benedetto. Si vuole sovvertire il mondo, e, nello stesso tempo, creare l’uomo nuovo con la società nuova, senza Dio e senza dignità umana.

Ci metteva in allerta Romano Guardini sui pericoli della potenza della tecnica, ma noi abbiamo dimenticato la sua saggezza. Un uomo fascio di reazioni (soprattutto consumistiche e sessuali) al posto della persona (singolo-comunità, libertà-responsabilità); la temporaneità di coppia (omosex-etero di fatto) al posto della famiglia stabile; il disfacimento sociale (libertarismo assoluto) al posto di (diritti-doveri-gratuità), e sullo sfondo l’emergere di un nuovo “statalismo” e di nuovi poteri economici e multinazionali, una oligarchia potente e insaziabile.

È evidente che la voce di Pietro è oggi l’unica che si pone a difesa della natura e del cuore dell’uomo, dei doveri di solidarietà e responsabilità, della ragione e della fede, del futuro. Lo fa senza “moralismi” ma per una gioiosa sequela della Verità. Sfugge o viene ridicolizzata la promessa di Cristo, e allora bene ha fatto il Papa a ricordarlo: “Non prevalebunt!”.

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO

Anzi, la terribile bellezza di questi tempi sta tutta nella trasparente chiarezza delle situazioni e contraddizioni. In Belgio si distruggono tombe di cardinali e decenni di lavoro delle commissioni antipedofilia indipendenti, si dileggia la Chiesa con metodi alla De Magistris e poi si mostra l’insipienza delle indagini. Ideologia anticattolica?

 

La “doppiezza morale” trova il suo culmine nel caso Polanski, colpevole per abuso sessuale su una bimba di 13 anni, per un fatto di 30 anni fa. La “crème” culturale europea e la giustizia svizzera lo liberano, del resto per meriti artistici si può stuprare… Gli stessi reati, compiuti nello stesso periodo, da pochi sacerdoti diventano invece l’occasione di portare in Tribunale il Papa e sbeffeggiare la Chiesa Cattolica. “Codalunga” il coperchio se lo dimentica sempre.

 

L’imitazione di Cristo proposta senza tregua è l’unica “via d’uscita” dalle terribili conseguenze della nuova ideologia, per l’umanità di oggi e di domani. Una “strada personale”, comunitaria ed ecclesiale. Si vuole una società senza Dio e si dimenticano i milioni di morti del ‘900 senza Dio. Si ammazzano centinaia di milioni di bambini nell’utero delle madri, eppure si decidono Convenzioni internazionali per la lotta alla violenza sui bambini. È tutta una contraddizione insopportabile questa nuova società, se non che, proprio nella perversione dilagante e nella immoralità crescente, c’è la guida salda di Benedetto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori