Il processo di Norimberga, storia vera: cos’è e come finì/ Chi fu condannato a morte?

- Stella Dibenedetto

Il processo di Norimberga, storia vera: cos'è e come finì. Il procedimento contro i naztisti finì con le condanne a morte per impiccagione di von Ribbentrop, Keitel, Kaltenbrunner e...

Il campo di Auschwitz-Birkenau Il campo di concentramento Auschwitz-Birkenau (LaPresse)

IL PROCESSO DI NORIMBERGA COS’È? LA STORIA VERA

Il processo di Norimberga è uno dei procedimenti giudiziari più importanti della storia mondiale del dopoguerra. Il processo fu organizzato per giudicare e punire i nazisti coinvolti nella seconda guerra mondiale e responsabili della Shoah ovvero lo sterminio degli Ebrei a cui è dedicato il film in onda oggi, in prima serata, su La7. Il primo Processo, considerata la morte di Adolf Hitler, Benito Mussolini, Joseph Goebbels e Heinrich Himmler, vide l’imputazione di 24 tra i più importanti capi nazisti che furono catturati alla fine della Seconda Guerra Mondiale o che erano ancora in vita. Il processo di Norimberga iniziò il 18 ottobre 1945 negli edifici della Corte Suprema di Berlino.

Gli imputati erano accusati di cospirazione per commettere crimini contro la pace, aver pianificato, iniziato e intrapreso delle guerre d’aggressione, aver commesso crimini di guerra e aver commesso crimini contro l’umanità. Hermann Göring riuscì a suicidarsi prima della condanna a morte per impiccagione che toccò a von Ribbentrop, Keitel, Kaltenbrunner, Rosenberg, Frank, Frick, Streicher, Sauckel, Jodl, Seyß-Inquart.

LA SENTENZA DEI GIUDICI DEI GIUDICI DEL PROCESSI DI NORIMBERGA

Ad eseguire le condanne a morte dei nazisti processati al processo di Norimberga fu il sergente statunitense John C. Woods. I cadaveri furono poi cremati nei forni del lager di Dachau e le loro ceneri gettate nel Wenzbach. I giudici, al termine del processo, definirono le SS una vera e propria organizzazione criminale che aveva come obiettivo la persecuzione e lo sterminio degli ebrei nonchè la “brutalità ed esecuzioni nei campi di concentramento, eccessi nell’amministrazione dei territori occupati, l’amministrazione del programma di lavoro schiavistico e il maltrattamento e assassinio di prigionieri di guerra“. Parlando del Processo di Norimberga, Churchill nelle sue memorie, sottolineò come la morte di Mussolini evitò che ci fosse un processo simile anche in Italia per tutti i responsabili del fascismo.





© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Film e Cinema

Ultime notizie